Giovedì, 10 Marzo 2022 10:00

Disabili, tutele estese alle due parti dell’unione civile

I permessi per i lavoratori del settore privato previsti dalla legge n. 104/1992 e il congedo straordinario per assistere il coniuge, i parenti o affini riconosciuti in situazione di disabilità grave, sono estesi anche ai soggetti uniti civilmente. A precisarlo è l’Inps con la circolare n. 36 del 7 marzo 2022 nella quale si chiarisce che il “convivente di fatto” può usufruire dei permessi della legge n. 104/1992 unicamente nel caso in cui presti assistenza al convivente e non, invece, nel caso in cui intenda rivolgere l’assistenza a un parente del convivente. Ai fini della concessione del diritto sarà sufficiente la dichiarazione del richiedente, nella domanda, di essere coniuge/parte di unione civile/convivente di fatto.

Notizie correlate: Contributo per genitori disoccupati o soli con figli disabili - Congedo parentale Covid-19 per autonomi e iscritti a Gestione separata - Congedo parentale Covid-19, proroga al 31 marzo 2022