Lunedì, 07 Giugno 2021 16:00

Le differenze tra smart working e telelavoro

Smart working e telelavoro come le due facce del lavoro a distanza. Nella sesta puntata della rubrica “Le Parole del Lavoro”, l’esperto di Fondazione Studi, Romano Benini, spiega nel dettaglio punti di contatto e di differenziazione tra le due attività.
A partire dai vincoli che il lavoratore deve rispettare nell’una o nell’altra modalità di lavoro. Se il telelavoro, infatti, è sostanzialmente lo spostamento di una postazione fissa fuori dall’azienda - con regole rigide su orari, spazi, organizzazione - lo smart working non prevede vincoli d’orario e di spazio, sulla base di un accordo tra datore di lavoro e smart worker. Entrambe le modalità, però, hanno un comune obiettivo: la conciliazione tra tempi di lavoro e di vita.

Guarda la puntata

Notizie correlate: Lo smart working presenta il conto - Smart working: meno infortuni in itinere ma più rischi per la salute - Rimborso spese dipendenti in smart working