Mercoledì, 01 Febbraio 2017 08:05

CU al 31 marzo e comunicazioni Iva semestrali

Differimento della Certificazione Unica, abolizione della comunicazione analitica dei dati delle fatture emesse e ricevute, dichiarazione integrativa a favore e definizione agevolata delle cartelle. Sono le quattro proposte di semplificazione che il Comitato Unitario delle Professioni ha discusso con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, per favorire maggiormente il rapporto tra Fisco e contribuente.

Nonostante l'apprezzamento per alcune disposizioni contenute nel decreto legge n.193/2016, il Comitato ritiene che si possa fare di più in termini di riduzione di oneri eliminando, ad esempio, alcune misure che si presentano solo come complicazioni. Tra le proposte c'è, infatti, la richiesta di far slittare al 31 marzo il termine per la consegna della Certificazione Unica al lavoratore e per l'invio all'Agenzia delle Entrate così da agevolare sia i professionisti sia le aziende.

Un altro punto critico è quello riguardante l'invio delle otto comunicazioni trimestrali Iva introdotte per ogni anno, ad eccezione del 2017, di cui quattro per le fatture emesse e ricevute ed altre quattro per le liquidazioni periodiche. Secondo il Cup l'obbligo di comunicazione trimestrale dei dati delle fatture emesse e ricevute dovrebbe essere abolito per consentire un invio con periodicità semestrale ed in forma semplificata, aggregando i dati delle operazioni svolte per singolo cliente/fornitore.

Per quanto riguarda, invece, la dichiarazione dichiarativa si propone di estendere le compensazioni trasversali del maggior credito o minor debito per tutto il periodo in cui è possibile effettuare la dichiarazione, abolendo il doppio binario tra la dichiarazione integrativa, presentata entro il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo di imposta successivo, e quelle presentate oltre il termine.

Sulla definizione agevolata delle cartelle esattoriali il Comitato chiede di dilazionare il pagamento in un triennio ed in un maggior numero di rate di uguale importo e di estendere gli effetti anche nei confronti dell'Inps, che nelle more dovrebbe rilasciare anche il Documento unico di regolarità contributiva per non penalizzare le imprese. 

Rassegna stampa: Il Sole24 Ore del 31.01 - Italia Oggi del 01.02

Rassegna web: ansa.it - cataniaoggi.it - edotto.com - ilsole24ore.com - lavorofisco.it - adnkronos.com - siciliainformazioni.com - ilmeteo.it - arezzoweb.it - ipsoa.it - eutekne.info - impresamia.com - 2.mysolution.it - 247.libero.it

Notizie correlate: La definizione agevolata dei ruoli - Al via il 18 gennaio il 14° Forum Lavoro - Decreto fiscale, l'analisi completa della Fondazione Studi