Venerdì, 06 Aprile 2018 15:14

APE sociale e precoci: chiarimenti su requisiti d'accesso

L'Inps, con il messaggio n. 1481 del 4 aprile 2018, fornisce alcuni chiarimenti in merito alle condizioni per l’accesso ai benefici dell’APE sociale e della pensione anticipata per i lavoratori c.d. precoci. L'Istituto specifica, inoltre, che è consentita l’integrazione delle domande di riconoscimento delle condizioni per l’accesso al beneficio, già presentate entro il 1 marzo 2018, con il nuovo modello AP116, aggiornato con le novità introdotte dalla Legge di Bilancio, entro il 13 aprile 2018.

In primis, l'Inps si sofferma sui requisiti dei lavoratori "gravosi", chiarendo cheoccorre accertare la sussistenza di due requisiti principali: lo svolgimento per almeno 7 o 6 anni di attività lavorativa “gravosa” e la maturazione della relativa anzianità contributiva nel periodo compreso fra i 10 e i 7 anni precedenti la data di perfezionamento dei requisiti anagrafici e/o contributivi o di presentazione della domanda di “certificazione” o ancora di versamento/accredito dell'ultima contribuzione in caso di avvenuta cessazione dell'attività lavorativa.

Per i soggetti  con invalidità almeno pari al 74% e soggetti che assistono e convivono con persone affette da handicap grave, i benefici non vengono riconosciuti nel caso in cui tali condizioni vengano meno alla data di decorrenza effettiva del beneficio riconosciuto ai lavoratori 'precoci', o si sia verificato il decesso dell’assistito. La circolare illustra poi il regime delle decorrenze in vigore e ricorda che rendita vitalizia, riscatti e ricongiunzioni hanno efficacia retroattiva dal momento in cui l’interessato versa il relativo onere. In ordine alla cumulabilità tra i benefici trattati e l’accesso alla pensione in salvaguardia, l'Istituto segnala come il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali abbia riconosciuto “la facoltà di optare tra le due prestazioni”.

Notizie correlate: Ape sociale e pensione precoci: istruzioni Inps - Ape sociale esteso per il 2018 - Ape sociale, accredito Inps dal 19 dicembre