Venerdì, 02 Marzo 2018 08:01

Si ampliano i servizi di welfare aziendale

La Legge di Bilancio per il 2018 dà un nuovo e forte impulso al welfare aziendale. Infatti, con una previsione contenuta nella Legge 205/2017, entrata in vigore al 1° gennaio 2018, alla lunga elencazione contenuta nel comma 2 dell’art. 51 TUIR si va ad aggiungere ora la lettera d-bis) ovvero la possibilità, da parte dei datori di lavoro e dei committenti in caso di collaborazioni coordinate e continuative, di riconoscere a favore dei lavoratori, e dei loro familiari purché a carico, somme o rimborsi da destinare all’acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale. A spiegarlo, in un video per la web tv di Categoria, è Luca Caratti, esperto della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro concentrandosi poi sulle problematiche inerenti l’individuazione di quelle che possono essere le prestazioni da erogare ai lavoratori.

“La norma introduce la possibilità per il datore di lavoro non solo di acquistare l’abbonamento al trasporto pubblico locale (regionale o interregionale) ma anche di rimborsare quanto già acquistato dal lavoratore dipendente” evidenzia l’esperto che si sofferma, infine, su come richiedere il rimborso da parte del lavoratore e come procedere al pagamento da parte dell’azienda.

Guarda il video

Iscriviti al corso di Fondazione Studi

Notizie correlate: 
Welfare aziendale e lavoro pubblico - Fisco e lavoro, nuove regole dalla Legge di Bilancio 2018 - Platea ampia per i buoni pasto