Mercoledì, 22 Marzo 2017 07:48

De Luca: “necessaria alternativa ai voucher”

"È importante disciplinare il lavoro accessorio perché “i voucher utilizzati in maniera genuina e lecita rispondevano a delle precise esigenze del mercato del lavoro”.  Così il Presidente della Fondazione Studi, Rosario De Luca, ai microfoni del GR1 Economia, rimarcando un vuoto operativo nelle attività abitualmente (e lecitamente) gestite tramite il lavoro accessorio ed evidenziando la necessità di norme per colmare l'assenza di leggi di riferimento circa l’utilizzo dei buoni lavoro acquistati prima dell’entrata in vigore del decreto legge 25/2017 ed utilizzabili sino a fine anno.

"Al momento - continua il Presidente De Luca - non è prevista nessuna alternativa per gestire le attività occasionali. L’ipotesi è sostituire i voucher con il lavoro intermittente ma è necessaria una revisione di alcune caratteristiche di questa tipologia di lavoro subordinato". "In quanto, ad esempio, è possibile utilizzare tale tipologia contrattuale per soggetti con meno di 24 anni di età e con più di 55 anni di età, escludendo i lavoratori della fascia d'età intermedia", ha poi concluso.

Ascolta l’intervento

Notizie correlate: Voucher senza pace, quali norme applicare fino al 31.12.2017? - Voucher, eliminati dal 18 marzo 2017 - Attivazione voucher, sito Inps ripristinato