Mercoledì, 24 Maggio 2017 14:40

Gli emendamenti approvati al Dl n.50/2017

Mentre prosegue la discussione sul decreto legge n.50/2017 in Commissione Bilancio della Camera, tre emendamenti sono stati già approvati nella seduta di ieri.

Il primo prevede l'estensione della rottamazione delle liti fiscali ai tributi locali. In pratica, entro il 31 agosto 2017, ciascun ente territoriale potrà decidere se applicare questa misura, che permette di definire le controversie in cui il ricorso sia stato notificato alla controparte entro il 23 aprile 2017. Prima dell'approvazione dell'emendamento, invece, era necessario che il contribuente si fosse costituito in giudizio entro il 31 dicembre 2016.

Il secondo emendamento approvato va nella direzione di migliorare il rapporto tra Fisco e contribuenti prevedendo l'abolizione degli studi di settore e l'introduzione degli indici di affidabilità fiscale che introducono un regime premiale crescente, su una scala da 1 a 10, in base al grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascun contribuente.

Il terzo emendamento, invece, interessa la voluntary disclosure, in quanto corregge le sanzioni in caso di mancato o insufficiente versamento spontaneo delle somme dovute ovvero nelle ipotesi in cui non si provveda spontaneamente al versamento delle somme entro i termini di legge. E vengono, inoltre, modificate le conseguenze dell'insufficiente versamento dovuto

Nell'articolo a pag. 28 della rubrica "Diritto & Fisco" di Italia Oggi, disponibile nel servizio quotidiano di rassegna stampa nazionale dedicata ai Consulenti del Lavoro iscritti a www.ful.cloud, Cristina Bertelli analizza in dettaglio tutte le novità degli emendamenti alla manovra, soffermandosi anche sulla certificazione fiscale "sprint", sul credito d'imposta per le spese di mobilio effettuate dagli alberghi e sul nodo dei voucher.

Pagina speciale 15° Forum lavoro e fiscale

Notizie correlate: Il CUP in audizione sulle proposte di modifica