Martedì, 02 Agosto 2022 13:00

Le Novità Normative della Settimana dal 25 al 31 luglio 2022

In Gazzetta il Decreto che modifica i congedi parentali

È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 176 del 29 luglio 2022, il decreto legislativo legge 30 giugno 2022, n. 105, relativa all’equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza.

Il decreto, in particolare, modifica alcune disposizioni contenute nel decreto legislativo 151/2001.

L’obiettivo è quello di promuovere il miglioramento della conciliazione tra i tempi della vita lavorativa e quelli dedicati alla vita familiare per tutti i lavoratori che abbiano compiti di cura in qualità di genitori e/o prestatori di assistenza, al fine di conseguire una più equa condivisione delle responsabilità tra uomini e donne e di promuovere un’effettiva parità di genere, sia in ambito lavorativo sia familiare.

Il decreto introduce una nuova tipologia di congedo di paternità, obbligatorio e della durata di 10 giorni lavorativi fruibile dal padre lavoratore nell’arco temporale che va dai 2 mesi precedenti ai 5 successivi al parto, sia in caso di nascita sia di morte perinatale del bambino.

Si aggiunge un ulteriore periodo di 3 mesi, trasferibile tra i genitori e fruibile in alternativa tra loro, cui è connessa un’indennità pari al 30% della retribuzione.

Pertanto, fermi restando i limiti massimi di congedo parentale fruibili dai genitori, i mesi di congedo parentale coperto da indennità sono aumentati da 6 a 9 in totale. L’indennità spettante ai genitori, in alternativa tra loro, per il periodo di prolungamento fino a 3 anni del congedo parentale usufruito per il figlio in condizioni di disabilità grave è del 30%.

Il Decreto allunga da 6 a 12 anni l’età del bambino entro cui i genitori, anche adottivi e affidatari possono usufruire del congedo parentale, indennizzato nei termini indicati nel punto precedente.

 

Pubblicato il Decreto Trasparenza

È stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 176 del 29 luglio 2022, il decreto legislativo legge 27 giugno 2022, n. 104, relativo a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione europea.

Il decreto modifica alcune regole riguardanti:

  • Le informazioni sul rapporto di lavoro
  • La durata massima del periodo di prova
  • Il cumulo di impieghi
  • La prevedibilità minima del lavoro
  • La transizione a forme di lavoro più prevedibili, sicure e stabili
  • La formazione obbligatoria

il datore di lavoro deve adempiere ai nuovi obblighi informativi consegnando al lavoratore, all’atto dell’instaurazione del rapporto di lavoro e prima dell’inizio dell’attività lavorativa alternativamente:

  • contratto di lavoro scritto;
  • copia della comunicazione telematica di instaurazione del rapporto di lavoro.

Laddove i suddetti documenti non contengano tutte le informazioni richieste, il Decreto trasparenza sul lavoro stabilisce di integrare l’obbligo informativo con un successivo atto scritto. In tal caso va consegnato al lavoratore entro 7 giorni dall’instaurazione del rapporto di lavoro. In caso di mancato, ritardato, o incompleto assolvimento dei suddetti obblighi informativi, il lavoratore potrà darne comunicazione all’Ispettorato del lavoro che irrogherà una sanzione da 250 a 1.500 euro per ogni lavoratore interessato

 

Calendario delle festività ebraiche per il 2023

Il Ministero dell’Interno ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 173 del 26 luglio 2022, il comunicato con il calendario  delle  festività  ebraiche  per l’anno 2023.

 

 

INPS

Domande di CIGO con causale “eventi meteo” – temperature elevate. Istruzioni operative

Con il messaggio n. 2999 del 28 luglio 2022, l’INPS pubblica le istruzioni per il  riconoscimento della cassa integrazione guadagni ordinaria nei casi di sospensione dell’attività a seguito delle criticità determinate dall’eccezionale ondata di calore che sta interessando tutto il territorio nazionale. L’Istituto riepiloga anche la procedura da seguire per presentare la domanda e la documentazione da allegare.

Anche temperature inferiori a 35° centigradi possono determinare l’accoglimento della domanda di cassa integrazione ordinaria qualora entri in considerazione la valutazione non solo della temperatura rilevata dai bollettini meteo, ma anche quella c.d. “percepita”, che è più elevata di quella reale.

Tale situazione, ad esempio, si determina nelle giornate in cui si registra un elevato tasso di umidità che concorre significativamente a determinare una temperatura “percepita” superiore a quella reale. Pertanto, la valutazione della temperatura rilevata nei bollettini meteo deve tenere conto anche del grado di umidità, atteso che, in base alla combinazione dei due valori (temperatura e tasso di umidità), è possibile ritenere che la temperatura percepita sia maggiore di quella effettivamente rilevata.

 

Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo. Compilazione di flussi Uniemens

L’INPS, con il messaggio 27 luglio 2022, n. 2988, fornisce nuove istruzioni sulle modalità di compilazione dei flussi Uniemens che riguardano il Fondo di solidarietà del trasporto aereo e del sistema aeroportuale.

La circolare INPS 24 maggio 2022, n. 61 aveva già illustrato la procedura di esposizione in Uniemens della retribuzione mensile di riferimento per il calcolo della prestazione integrativa erogata dal Fondo.

Per consentire ai datori di lavoro interessati di adeguare i propri sistemi informativi, il messaggio informa ora che la valorizzazione dell’elemento <CodiceCasuale> FSTA, relativa alla contribuzione corrente, potrà essere effettuata entro il mese di competenza ottobre 2022, mese a partire dal quale l’elemento diventerà obbligatorio. Entro lo stesso mese andranno riportate anche le informazioni relative a tutte le mensilità pregresse, a partire da aprile 2022.

 

Assegno unico e universale Titoli di soggiorno utili ai fini del diritto

L’INPS, con il  messaggio n. 2951 del 25 luglio  2022,  specifica quali sono i titoli di soggiorno utili ai fini del diritto all'assegno unico e universale per i figli a carico e i familiari ammessi a fruire del beneficio. L’INPS specifica, altresì, che i familiari di cittadini dell’Unione europea sono inclusi nella disciplina dell’assegno unico e universale così come i familiari extra UE di cittadini stranieri titolari di un permesso di soggiorno per ricongiungimento al familiare.

 

Decontribuzione SUD 2022: fino al 31 dicembre 2022

L’INPS, con la circolare n. 90 del 27 luglio 2022, fornisce le indicazioni e le istruzioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi alla agevolazione contributiva per l’occupazione in aree svantaggiate – Decontribuzione Sud, limitatamente al periodo 1° luglio 2022 – 31 dicembre 2022, oggetto della Decisione C(2022)4499 final del 24 giugno 2022 di autorizzazione da parte della Commissione europea.

Per quanto concerne l’esonero contributivo riferito al periodo 1° gennaio 2023 – 31 dicembre 2029, le relative istruzioni saranno fornite all’esito del procedimento di autorizzazione ai sensi dell’articolo 108, paragrafo 3, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) e nel rispetto delle condizioni previste dalla normativa applicabile in materia di aiuti di Stato.

Le Regioni che rientrano nel beneficio, in base al richiamo all’articolo 27, comma 1, del decreto-legge n. 104/2020, sono l’Abruzzo, la Basilicata, la Calabria, la Campania, il Molise, la Puglia, la Sardegna e la Sicilia.

 

 

INAIL

Società tra Professionisti Albo Avvocati. Adeguamenti al sistema di profilazione.

Con l’istruzione operativa del 26 luglio 2022, l’Inail ha fornito le indicazioni riguardanti l’adeguamento del sistema di profilazione in favore delle Società tra Professionisti – Albo avvocati.

Gli adempimenti in materia di lavoro, previdenza ed assistenza sociale dei lavoratori dipendenti, possono essere curati, oltre che dai professionisti iscritti nell'albo dei Consulenti del Lavoro, degli Avvocati, dei dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (che ne abbiano dato comunicazione agli Ispettorati territoriali del lavoro) anche sottoforma di Società tra professionisti, se iscritte in una sezione speciale degli albi o dei registri tenuti presso l'Ordine o il Collegio professionale di appartenenza dei soci professionisti.

 

Pagamento dei premi e accessori. Modifica del tasso di interesse di rateazione e della misura delle sanzioni civili.

Con la circolare n.29 del 26 luglio 2022 Inail ha riportato indicazioni sulla modifica del tasso di interesse di rateazioni e della misura delle sanzioni civili.

La modifica decorre dal 27 luglio 2022 e deriva dalla politica monetaria della Banca centrale europea che ha fissato allo 0,50% il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema (ex T.U.R.).

Le variazioni sono: 6,50% rateazioni premi e accessori e 6% sanzioni civili. Le percentuali interesseranno i piani di ammortamento e le sanzioni successive al 27 luglio, non quanto già in essere.

Per quando riguarda gli interessi legale e legale maggiorato delle sanzioni civili in caso di mancato o ritardato pagamento del premio in procedura concorsuale, il tasso applicato sarà rispettivamente dell’1,25% e 3,25%.

 

Decontribuzione per agenzie di viaggi e dei tour operator . Le istruzioni

L’INPS, con la circolare n. 89 del 27 luglio 2022, fornisce le indicazioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi all’esonero dal versamento dei contributi previdenziali in favore dei datori di lavoro privati operanti nel settore delle agenzie di viaggi e dei tour operator (a prescindere dalla circostanza che assumano o meno la natura di imprenditori), con particolare riferimento alle modalità di quantificazione dell’esonero spettante.

Possono accedere al beneficio i datori di lavoro privati operanti nel settore delle agenzie di viaggi e dei tour operator, a prescindere dalla circostanza che assumano o meno la natura di imprenditori.

Si tratta delle aziende a cui è stato attribuito - da parte dell’Istituto ed entro la scadenza prevista del 30 giugno 2022 - il codice di autorizzazione (CA) “2J”.

La misura di esonero può, conseguentemente, trovare applicazione per i soli datori di lavoro a cui, in base alle informazioni presenti negli archivi dell’Istituto, è stato attribuito, entro il 30 giugno 2022, il codice di autorizzazione (CA) “2J”.

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE

Esenzione dall’imposta di registro. Ambito applicativo

L'Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 30 del 29 luglio 2022, estende l’esenzione dall’imposta di registro e non più circoscritta, dunque, alle sentenze del giudice di pace, per le controversie sotto i 1.033 euro, a prescindere dal grado di giudizio e dall’organo che emette il provvedimento.

 

ATAD: nuove precisazioni dall'Agenzia delle Entrate sulle società controllate estere

Con Circolare n. 29 del 28 luglio 2022, l’Agenzia delle Entrate ha fornito dei nuovi chiarimenti sul regime della Direttiva UE 2016/1164 (ATAD 1) sul contrasto alle pratiche di elusione fiscale attuate a livello transnazionale, con particolare riguardo al tema delle società controllate estere.

In particolare i chiarimenti sono relativi alla disciplina illustrata nella precedente Circolare dell’Agenzia delle Entrate 27 dicembre 2021 n. 18/E proprio sulle Controlled Foreign Companies (CFC) come riformata dalla Direttiva ATAD 1 e dal relativo decreto legislativo di recepimento 29 novembre 2018 n. 142.

In particolare, i chiarimenti si concentrano sui seguenti profili:

  • tassazione per trasparenza e fuoriuscita dal regime CFC;
  • trasferimento di sede e operazioni straordinarie che comportano la confluenza della CFC nel soggetto residente. 

 

Credito d’imposta società benefit. Istituito il codice tributo

Con la risoluzione n. 42 del 27 luglio 2022 l'Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo 6976, per consentire l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta per il rafforzamento del sistema delle società benefit. Il Credito può essere utilizzato tramite modello F24 da presentare esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.

 

Credito d'imposta per gli edifici storici tutelati: pronto il codice tributo

L'Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 43 del 27 luglio 2022, ha istituito, in tema di bonus edifici storici tutelati, il codice tributo  per consentire l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta .

Il codice tributo è il “6979” denominato “credito d’imposta per il restauro e per gli altri interventi conservativi sugli immobili di interesse storico e artistico di cui all’articolo 65- bis del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73”.

Con l’istituzione di questo nuovo  codice tributo, tramite il modello F24, sarà possibile accedere al credito d’imposta per il restauro e per gli altri interventi conservativi sugli immobili di interesse storico e artistico di cui all’articolo 65-bis del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito, con modificazioni dalla legge 23 luglio 2021, n. 106.

 

Bonus competenze manageriali: pubblicato il codice tributo

Con risoluzione n. 44 del 27 luglio 2022 l'Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo 6980.

Il codice tributo potrà essere utilizzato il  credito d’imposta per le iniziative formative finalizzate allo sviluppo e all’acquisizione di competenze manageriali introdotto dalla legge di Bilancio 2021.

L’art. 1, commi da 536 a 539, legge n. 178/2020 ha previsto l’introduzione di un contributo, sotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese che sostengono finanziariamente iniziative formative finalizzate allo sviluppo e all’acquisizione di competenze manageriali, alle condizioni ivi indicate.

 

Senza credito R&S le attività di design ante 2019

Non rientrano nel credito d’imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo le attività finalizzate alla modifica in senso ampio dell’estetica dei prodotti e al lancio di nuove tendenze di moda, non finalizzate alla risoluzione di un’incertezza tecnica o scientifica, svolte prima dell'estensione prevista dalla legge di Bilancio per il 2020 (legge n. 160/2019). Pertanto, l'ideazione e la prototipia di beni del comparto moda, pelletteria, gioielleria e occhialeria svolte nel 2019 non rientrano nelle agevolazioni previstedall’art 3 del D.L. n. 145/2013. A chiarirlo è l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 41/E del 26 luglio 2022, riprendendo quanto previsto in materia dal parere tecnico del Ministero dello Sviluppo Economico di aprile 2022.In particolare, l’Agenzia sottolinea che le attività attinenti al design e all’ideazione estetica il cui unico “effetto tecnico” riguardi, in senso ampio, la forma esteriore o l’aspetto estetico del prodotto non costituiscono attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d’imposta poiché non comportano “lo svolgimento di lavori necessari per il superamento di ostacoli di tipo scientifico o tecnologico non superabili con le conoscenze generali già disponibili”. La legge 27 dicembre 2019 n. 160 ha poi ampliato la tipologia delle attività ammissibili al credito d'imposta anche alle attività di design e ideazione estetica, sottoponendo il beneficio sempre al requisito della novità e della significatività.

 

Guida delle Entrate su detrazioni in edilizia

L’Agenzia delle Entrate riepiloga nella circolare n. 28/E del 25 luglio 2022 norme e prassi per le detrazioni pluriennali in caso di interventi di recupero del patrimonio edilizio, anche sotto il profilo degli obblighi di produzione documentale da parte del contribuente e della relativa conservazione da parte dei centri di assistenza fiscale e professionisti abilitati per la successiva produzione all’Amministrazione Finanziaria.

Il documento di prassi rappresenta una integrazione della circolare n. 24/2022, con cui si era fornita una prima raccolta delle spese che danno diritto a deduzioni e detrazioni, comprensiva dei crediti d’imposta e altri elementi rilevanti per la compilazione della dichiarazione dei redditi e l’apposizione del visto di conformità per l’anno d’imposta 2021. Al suo interno sono messe a sistema le agevolazioni in essere e le indicazioni per usufruirne: dal Superbonus a sisma ed ecobonus fino alle spese per l’arredo degli immobili ristrutturati e per l’acquisto e posa di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica.

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE -  INTERPELLI

Risposta n. 388 del 26 luglio 2022 - Aliquota IVA cessione di ecotomografi carrellati e relativi accesso

Anche se non espressamente nominati nell’elenco dei beni agevolabili, gli ecotomografi carrellati costituiscono dispositivi necessari al contenimento e alla gestione dell’emergenza sanitaria da Covid-19 e sono equiparabili agli ecotomografi portatili, quindi, usufruiscono del regime Iva agevolato previsto dall’articolo 124 del decreto “Rilancio”. È quanto precisa l’Agenzia delle entrate sulla base del parere tecnico delle Dogane.

 

Risposta n. 393 del 27 luglio 2022 -trattamento iva applicabile ai corsi di nuoto impartiti da un'Associazione sportiva dilettantistica

L’Associazione sportiva dilettantistica non usufruisce dell’esenzione Iva per i corsi di nuoto erogati ai minori in quanto si tratta di lezioni a scopo sportivo e ricreativo e, quindi, viene a mancare il presupposto oggettivo per usufruire dell’agevolazione, ribadito più volte dalla Corte di giustizia europea, di attività volta all’“insegnamento scolastico o universitario”.

 

Risposta n. 394 del 29 luglio 2022 -Imbarcazione da diporto con utilizzo intra e extra UE

Per l’acquisto in leasing della nave da diporto in costruzione, la verifica a consuntivo della condizione che il mezzo di trasporto marittimo sia adibito per la navigazione in alto mare va rinviata allo scadere dell’anno successivo a quello di effettivo utilizzo, inteso come anno di varo e di messa in servizio per la navigazione.