Lunedì, 11 Ottobre 2021 13:03

Le Novità Normative della Settimana dal 3 al 10 ottobre 2021

Impresa sociale: modalità di coinvolgimento dei lavoratori

Il Ministero del Lavoro  ha pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 237 del 4 ottobre 2021, il Decreto 7 settembre 2021 con l’adozione delle linee guida per l’individuazione delle modalità di coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e degli altri soggetti direttamente interessati alle attività dell’impresa sociale.

Il coinvolgimento è da intendersi come il meccanismo di consultazione e partecipazione mediante il quale i lavoratori e gli altri soggetti siano in grado di esercitare un’influenza sulle decisioni dell’impresa sociale, sulle condizioni di lavoro e sulla qualità dei beni e servizi prodotti.

Le informazioni devono essere rese disponibili oltre che presso la sede legale dell'impresa, anche attraverso strumenti telematici e informatici idonei ad assicurare un accesso facile. Le rappresentanze dei lavoratori riceveranno specifiche informazioni relativamente alle condizioni di lavoro, al welfare aziendale, alla qualità della vita in azienda, ai programmi e alle iniziative per garantire il superamento delle disuguaglianze di genere e la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, il miglioramento e il benessere organizzativo.

 

Chiusura dello sportello per la presentazione delle domande per l'accesso alla misura «Tessile, moda e accessori»

Il Ministero dello sviluppo economico ha reso noto , sulla Gazzetta Ufficiale n. 238 del 5 ottobre 2021, la chiusura dello sportello per la presentazione delle domande per l’accesso alla misura «Tessile, moda e accessori» a seguito dell’esaurimento delle risorse finanziarie.

 

Proroga domanda assegno temporaneo

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 234 del 30 settembre 2021 il Decreto legge del 30 settembre 2021, n. 132, che differisce al 30 ottobre 2021 la data entro cui presentare l’assegno temporaneo per figli minori.

 

Nuovo Decreto sulla sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale  n. 237 del 4 ottobre 2021 il Decreto del 2 settembre 2021 dei Ministeri dell’interno e del lavoro, recante i criteri per la gestione in emergenza della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro.

Il decreto entrerà in vigore a una anno dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, quindi il 4 settembre 2022. Riporta le nuove norme di riferimento in merito a gestione sicurezza antincendio in esercizio ed emergenza, informazione e formazione lavoratori e addetti, designazione degli addetti, requisiti dei docenti.

Si applicherà ai luoghi di lavoro , e per cantieri temporanei e mobili e attività a rischio incidente rilevante le norme riguarderanno solo la designazione degli addetti antincendio, la formazione e i docenti.

 

In Gazzetta la Legge di conversione del D.L. 111/2021

È stata pubblicata, nella Gazzetta Ufficiale  n. 235 del 1° ottobre 2021, la L. 133 del 24 settembre 2021, di conversione, con modificazioni, del D.L. 111/2021, recante misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti.

In particolare, il D.L. prevede:

  • lo slittamento al 31 dicembre 2021 delle agevolazioni previste per i lavoratori fragili, ex articolo 26, commi 2 e 2-bis, D.L. 18/2020.
  • l’obbligo vaccinale, dal 10 ottobre al 31 dicembre 2021, per tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa in strutture semiresidenziali e strutture che ospitano persone in situazione di fragilità;
  • durata diversificate per tampone antigenico rapido e tampone molecolare: il test antigenico rapido, se negativo, ha validità 48 ore dall’esecuzione; il test molecolare, se negativo, ha validità pari a 72 ore dall’esecuzione.

 



INPS

Proroga del termine di presentazione delle domande di Assegno temporaneo per i figli minori

L’INPS, con il messaggio n. 3340 del 5 ottobre 2021, informa che il termine di presentazione delle domande per accedere alle mensilità arretrate di Assegno temporaneo per i figli minori (AT), inizialmente previsto il 30 settembre, è stato prorogato al 31 ottobre 2021.

Per le domande presentate fino al 31 ottobre 2021, quindi, saranno corrisposte le mensilità arretrate a partire dal mese di luglio 2021, mentre successivamente a questa data l’Assegno temporaneo sarà erogato a decorrere dal mese di presentazione della domanda.

Il termine ultimo, oltre il quale non sarà più possibile presentare la domanda di Assegno, resta comunque fissato al 31 dicembre 2021.

 

Cessione fino al quinto delle pensioni. Nuova funzione telematica

Con il messaggio n. 3339 del 5 ottobre 2021, l'INPS rende noto  che nell’ambito del processo di gestione dei finanziamenti da estinguersi dietro cessione fino al quinto della pensione è stata rilasciata la procedura  denominata “Domanda di rimodulazione piano per estinzione anticipata parziale”.

La nuova funzione, permette al debitore di restituire anticipatamente una parte residuale di un finanziamento, così come previsto dalla legge.

Attraverso la procedura, qualora il pensionato manifesti la volontà di estinguere anticipatamente un finanziamento, gli intermediari finanziari aderenti alla convenzione con l’INPS possono richiedere, con modalità telematica, una rimodulazione del contratto di finanziamento in corso di ammortamento , che può consistere nella riduzione dell’importo della rata e/o nell’anticipazione della scadenza del piano di ammortamento.

 

Esonero contributi agricoli: proroga domanda al 6 ottobre 2021

L’INPS, con messaggio n. 3327 del 1° ottobre 2021, ha reso noto che, a causa di difficoltà rappresentate dalle aziende, il termine di presentazione (30 settembre 2021) delle domande di esonero per le filiere agricole, previsto dall’articolo 222 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, è differito al 6 ottobre 2021.

 

Tutela per eventi di malattia lavoratori marittimi. Nuove modalità di richiesta prestazioni

L’INPS, con la circolare n. 145 del 28 settembre 2021, informa che per il riconoscimento dell’indennità di malattia dei lavoratori marittimi è disponibile un nuovo servizio online, denominato “Comunicazione integrativa malattia marittimi”. Si tratta di uno strumento di acquisizione aggregata degli elementi istruttori di carattere amministrativo e sanitario.

 


ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO

Modifica alla disciplina del subappalto

L’Ispettorato nazionale del lavoro, con nota n. 1507 del 6 ottobre 2021, pubblica i chiarimenti su quanto previsto dall’articolo 49, D.L. 77/2021 (conv. da L. n. 108/2021), che ha modificato l’articolo 105, comma 14, D.Lgs. 50/2016, relativo alla regolamentazione del subappalto in ambito pubblico.

Alle condizioni previste dal nuovo comma 14, è stata introdotta una misura di garanzia per i lavoratori dipendenti del subappaltatore che svolgano determinate attività in ragione dell’appalto: le attività oggetto di subappalto devono essere ricomprese nell’oggetto dell’appalto, secondo quanto previsto nel capitolato e non essere, quindi, marginali o meramente accessorie rispetto all’opera o al servizio complessivamente appaltato, oppure far parte della categoria prevalente ossia, come previsto dall’articolo 3, comma 1, lettera oo-bis), “la categoria di lavori, generale o specializzata, di importo più elevato fra le categorie costituenti l’intervento e indicate nei documenti di gara”. In quest’ultimo caso, tuttavia, le lavorazioni devo essere incluse nell’oggetto sociale del contraente principale. Ricorrendo le predette condizioni, la norma assicura, quindi, ai lavoratori in questione, trattamenti economici e normativi non inferiori a quelli che avrebbe riconosciuto l’appaltatore/subappaltante al proprio personale dipendente in ragione del Ccnl dal medesimo applicato.

Pertanto, laddove, nell’ambito dell’attività di vigilanza, si riscontrino, in relazione ai singoli istituti retributivi o normativi (ferie, permessi, orario di lavoro, disciplina delle tipologie contrattuali), condizioni inferiori rispetto a quelle previste dal Ccnl applicato dall’appaltatore, è possibile adottare provvedimento di disposizione ex articolo 14, D.Lgs. 124/2004, volto a far adeguare il trattamento da corrispondere per tutto il periodo di impiego nell’esecuzione del subappalto. L’adeguamento retributivo comporta una rideterminazione dell’imponibile ai fini contributivi, che dà luogo ai conseguenti recuperi.

 


AGENZIA DELLE ENTRATE

Accollo del debito d’imposta altrui - attivazione del codice identificativo “80”

Con la risoluzione n. 59 del 6 ottobre 2021, l'Agenzia delle entrate istituisce il il codice identificativo “80”  per il pagamento del debito tributario altrui deve essere effettuato tramite il modello F24

La possibilità di prendere in carico il debito di un altro contribuente, previsto dallo Statuto dei diritti dal contribuente, è stato disciplinato dal collegato alla legge di bilancio 2020 (articolo 1,  Dl n. 124/2019).

La norma stabilisce che per il pagamento non possono essere utilizzati in compensazione i crediti dell’accollante e che in caso contrario il versamento sarà considerato non avvenuto a tutti gli effetti di legge, con applicazione di sanzioni.

 

Cambi valute estere: mese di settembre

L'Agenzia delle entrate, con il provvedimento del 7 ottobre 2021  accerta le medie dei cambi delle valute estere per lo scorso mese di settembre, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato.

 

Irregolarità delle liquidazioni Iva

Con provvedimento del 7 ottobre 2021 l’Agenzia delle entrate mette a disposizione del contribuente e della Guardia di finanza, anche tramite gli strumenti informatici, le informazioni derivanti dal confronto tra le fatture elettroniche emesse, i corrispettivi memorizzati e trasmessi telematicamente o le comunicazioni delle operazioni transfrontaliere effettuate e le comunicazioni delle liquidazioni periodiche Iva. L’Agenzia, al fine di favorire l’adempimento spontaneo, invia alla Pec attivata dal contribuente una Comunicazione per avvisarlo dell’anomalia riscontrata. Il contribuente potrà consultare le relative informazioni di dettaglio all’interno del portale “Fatture e Corrispettivi”, nella sezione “Consultazione”, area “Fatture elettroniche e altri dati IVA”.

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE INTERPELLO

Risposta n. 653 del 4 ottobre 2021 - agevolazioni prima casa under 36 anni

Un contribuente, aggiudicatario all'asta di un’unità immobiliare con decreto di trasferimento di un tribunale, potrà fruire delle agevolazioni “prima casa” che prevedono l’esenzione dall’imposta di registro per coloro che non hanno ancora compiuto 36 anni e hanno un Isee non superiore ai 40mila euro annui, a prescindere dal momento della futura stipula del contratto di mutuo che intende sottoscrivere. Le dichiarazioni per ottenere il beneficio (nota II-bis all'articolo 1, della Tariffa, Parte Prima, allegata al Tur), di regola rese nelle more del giudizio, si possono fare anche in un momento successivo, purché siano eseguite prima della registrazione dell'atto.

 

Risposta n. 656 del 5 ottobre 2021 - Superbonus - interventi su edificio unifamiliare in comproprietà con una persona fisica estranea al nucleo familiare

Gli interventi di ristrutturazione eseguiti su un villino in cui l’istante vive con la famiglia, di proprietà per metà dello stesso istante e per metà della nipote non facente parte del nucleo familiare, possono fruire del Superbonus, fermo restando il rispetto dei requisiti e degli adempimenti previsti dalla norma.

 

Risposta n. 659 del 5 ottobre 2021 - Detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio

Nel caso di una ristrutturazione edilizia, che determina la suddivisione di un immobile in più unità abitative, il limite di spesa ammesso in detrazione è di 96mila euro. Le spese eccedenti non sono agevolate e, quindi, non hanno rilievo per la fruizione dello sconto.

 

Risposta n. 662 del 5 ottobre 2021 - Superbonus rafforzato -interventi di messa in sicurezza e miglioramento della classe sismica

Il proprietario, insieme ad altri soggetti, di un edificio unifamiliare ubicato in un Comune per il quale è stato dichiarato lo “stato di emergenza”, a seguito degli eventi sismici del 2012, che deve effettuare interventi di messa in sicurezza, miglioramento della classe sismica ed efficientamento energetico dell’immobile, potrà fruire, su tali lavori, dell'aumento del 50% del massimale, come previsto dalla legge di bilancio 2021 (commi 4-ter e 4-quater  dell’articolo 119 del Dl n. 34/2020), se rinuncia formalmente al contributo per la ricostruzione.

 

Risposta n. 664 del 6 ottobre 2021 –dichiarazione di successione omessa

Alla dichiarazione di successione non completa per il padre cui fa seguito un’omessa dichiarazione per la morte della madre, da cui scaturisce un accertamento d’ufficio, è possibile porre rimedio e sanare le attribuzioni dei beni secondo le indicazioni testamentarie, rispettivamente, con una integrativa/sostitutiva e una dichiarazione che tiene conto dei nuovi cespiti rispetto all’accertamento.

 

Risposta n. 668 del 6 ottobre 2021 –imposta di registro e ipotecaria per atto transattivo con con il comune

Le agevolazioni previste dall’articolo 20 della legge n. 10/1977 (legge “Bucalossi”) e dall’articolo 32 del Dpr n. 601/1973 sono riconosciute agli atti finalizzati alla trasformazione del territorio attuati in base ad accordi o convenzioni tra privati e enti pubblici. Non spettano, invece, per l’atto transattivo che regolarizza l’occupazione dell’area da parte del Comune a seguito del mancato esproprio del terreno. In questo caso, il negozio giuridico, più che preordinato alla trasformazione del territorio, è attuato per la definitiva acquisizione dell’area occupata illegittimamente dal Comune.

 

Risposta n. 671 del 6 ottobre 2021- donazione di fondi rustici

È esente dall’imposta sulle donazioni e successoni, la donazione, da parte del padre titolare, dei fondi rustici ai due figli, che in qualità di coltivatori diretti organizzati in forma di società semplice, di fatto, continuano l'attività di gestione dell'impresa agricola.

 

Risposta n. 672 del 6 ottobre 2021 –Superbonus - installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di building automation per impianti di condizionamento e acqua calda sanitaria

Per gli interventi effettuati dai condomìni su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche, il superbonus del 110% spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, a nulla rilevando se, alla data del 30 giugno 2022, abbiano effettuato o meno interventi per il 60% di quelli complessivi. Lo ha ricordato

 

Risposta n. 673 del 6 ottobre 2021 –bonus facciate - sostituzione dei parapetti, fornitura e posa delle nuove tende e sistema di illuminazione notturna

Può usufruire della detrazione del 90%, il condominio che esegue lavori per la sostituzione dei parapetti dei balconi. L’agevolazione è estesa anche al rifacimento delle tende avvolgibili, ma solo se l’intervento risulti aggiuntivo e accessorio all’opera edilizia, compatibile tecnicamente ed esteticamente con le nuove balaustre e sempreché, naturalmente, la facciata sia visibile dalla strada. Niente bonus, invece, per il sistema di illuminazione notturna.

 

Risposta n. 674 del 6 ottobre 2021 - Superbonus - interventi di riduzione del rischio sismico su un edificio collabente F/2

Ai fini dell'agevolabilità degli interventi di isolamento termico sull'involucro dell'edificio, l'immobile costituito da due unità abitative con relativa unità pertinenziale, aventi le caratteristiche della indipendenza funzionale degli impianti e dell'autonomia dell'accesso all'esterno, può essere considerato un condominio minimo in luogo di un edificio plurifamiliare composto da due unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con accessi autonomi dall'esterno e dalle relative pertinenze. Conseguentemente, come avvenuto nel caso di specie, potranno essere applicati i tetti massimi di spesa previsti per gli interventi su parti comuni di un edificio condominiale , invece dei tetti massimi degli interventi su unità autonome e indipendenti.

 

Risposta n. 675 del 7 ottobre 2021 – Valore fiscalmente riconosciuto dei Titoli Esteri

In caso di acquisto per successione delle partecipazioni e dei titoli esteri, esenti dall’imposta in Italia per carenza del requisito impositivo territoriale, occorre assumere come costo il costo sostenuto dal de cuius non residente al momento dell’acquisto. Ciò in quanto il mancato assoggettamento all'imposta sulle successioni fa venir meno il presupposto per una rivalutazione della partecipazione ereditata.

 

Risposta n. 677 del 7 ottobre 2021 –  Dichiarazione di successione integrativa

Nel caso in cui a seguito della dichiarazione di successione la madre rinunci all’eredità, il figlio che invece l’ha accettata non può presentare una dichiarazione successiva evitando, così, di pagare nuovamente le imposte ipotecaria e catastale in misura proporzionale in quanto già assolte in occasione delle precedente dichiarazione di successione. L’integrativa, infatti, è consentita esclusivamente al soggetto che ha presentato la dichiarazione di successione da sostituire.

 

Risposta n. 680 del  ottobre 2021 - Superbonus e isolamento del tetto di una villetta a schiera -sottotetto non riscaldato

Potranno rientrare nel Superbonus anche gli interventi di coibentazione del tetto, a condizione che il requisito dell'incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda, sia raggiunto con la coibentazione delle superfici che, nella situazione ante intervento, delimitano il volume riscaldato verso l'esterno, vani freddi o terreno. Per il calcolo della superficie disperdente lorda, pertanto, non rientra la superficie del tetto quando il sottotetto non è riscaldato.

 

Risposta n. 683 del 7 ottobre 2021 – Continuità con la posizione lavorativa precedente l'espatrio - Regime speciale per lavoratori impatriati

Un cittadino italiano, distaccato all’estero e rientrato in Italia dal 2021 con un nuovo contratto di lavoro proposto dalla stessa società che lo aveva distaccato, non potrà fruire delle agevolazioni Irpef previste dal regime sugli impatriati considerato che, da quanto rappresentato, la posizione lavorativa assunta al rientro è in sostanziale continuità con la precedente, circostanza che gli preclude la fruizione del regime di favore.

 

Risposta n. 684 del 7 ottobre 2021 - Superbonus e Interventi di demolizione e ricostruzione con incremento di volume

In caso di demolizione e ricostruzione con aumento volumetrico di un edificio, l’intero manufatto risultante potrà fruire del Superbonus solo per le spese relative agli interventi di riduzione del rischio sismico, mentre per quelle di efficientamento energetico la detrazione non si applica alla parte che eccede il volume preesistente

 

Risposta n. 685 del 7 ottobre 2021 - Superbonus - lavori di rimozione, demolizione e riposizionamento degli elementi decorativi della facciata

Le spese di rimozione, demolizione e riposizionamento dei decori architettonici che caratterizzano la fisionomia dell'edificio condominiale, sottoposto a lavori agevolabili di coibentazione della facciata e del tetto, rientrano nel Superbonus solo se il tecnico abilitato competente rilascia le dovute attestazioni.

 

Risposta n. 688 del 8 ottobre 2021 - Sismabonus acquisti - attestazione di conformità degli interventi eseguiti al progetto

A differenza di quanto previsto per l’asseverazione di riduzione del rischio sismico, che ai fini del “Sismabonus acquisti” (articolo 16, comma 1-septies, Dl n. 63/2013) può essere presentata entro la data di stipula del rogito, per l'attestazione di conformità dei lavori eseguiti al progetto asseverato, non è fissata alcuna scadenza in merito al deposito. L’unico obbligo, la presentazione al Suap (sportello unico delle Attività produttive).

 

Risposta n. 690 del 8 ottobre 2021 -Contratti in cui è parte lo Stato - Imposte indirette

L’atto di compravendita, stipulato con atto notarile, per l’acquisto da parte di un’amministrazione statale di un compendio venduto dalla società proprietaria in seguito a una procedura fallimentare non è soggetto al pagamento delle imposte di registro, ipotecaria e catastale perché la cessione, in ogni caso, è di natura coattiva.

 

Risposta n. 691 del  ottobre 2021 -Cessione ultra quinquennale di un immobile detenuto da una società semplice

L’operazione di cessione di due unità immobiliari detenute da una società in accomandita semplice dal 1978 non genera una plusvalenza in capo ai soci. Secondo quanto precisato dall’articolo 67, comma 1, lettera b), del Tuir, infatti, costituisce un reddito diverso la cessione a titolo oneroso degli immobili “acquistati o costruiti da non più di cinque anni”.