Lunedì, 14 Giugno 2021 14:29

Le Novità Normative della Settimana dal 7 al 13 giugno 2021

In Gazzetta il decreto legge “Reclutamento”

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 9 giugno 2021, il Decreto Legge n. 80 del 9 giugno 2021, riguardante le misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per l’efficienza della giustizia.

Il suddetto decreto prevede che «al di fuori delle assunzioni di personale già espressamente previste nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNNR) presentato alla Commissione europea ai sensi degli articoli 18 e seguenti del Regolamento (UE) 2021/241, le amministrazioni titolari di interventi previsti nel PNRR possono porre a carico del PNRR esclusivamente le spese per il reclutamento di personale specificamente destinato a realizzare i progetti di cui hanno la diretta titolarità di attuazione, nei limiti degli importi che saranno previsti dalle corrispondenti voci di costo del quadro economico del progetto.

 

Assegno temporaneo per figli minori

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 135 dell’8 giugno 2021 è stato pubblicato il Decreto Legge n. 79 dell’8 giugno 2021, riguardante le misure urgenti in materia di assegno temporaneo per figli minori.

A decorrere dal 1° luglio 2021 e fino al 31 dicembre 2021, ai nuclei familiari che non abbiano diritto all’assegno per il nucleo familiare è riconosciuto un assegno temporaneo su base mensile, a condizione che al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio, siano in possesso congiuntamente dei seguenti requisiti:

  1. con riferimento ai requisiti di accesso, cittadinanza, residenza e soggiorno, il richiedente l’assegno deve cumulativamente:
    • essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale;
    • essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;
    • essere domiciliato e residente in Italia e avere i figli a carico sino al compimento del diciottesimo anno d’età;
    • essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale;
  2. con riferimento alla condizione economica, il nucleo familiare del richiedente deve essere in possesso di un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE), in corso di validità.

 

 

INPS

Artigiani e commercianti, proroga scadenza contributi: precisazioni

L’INPS, con la circolare n. 85 dell’11 giugno 2021, comunica che sui versamenti dai soggetti iscritti alle Gestioni autonome speciali degli artigiani e dei commercianti, effettuati entro la data del 20 agosto 2021, in virtù del differimento del termine di pagamento della rata dei contributi, non verranno applicate sanzioni civili o interessi.

 

Chiarimenti sull'imponibile contributivo per le Gestioni degli artigiani e degli esercenti attività commerciali

L’INPS, con la circolare n. 84 del 10 giugno 2021 chiarisce che  devono essere esclusi dalla base imponibile contributiva i redditi di capitale attribuiti agli iscritti alle Gestioni speciali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali derivanti dalla partecipazione a società di capitali nella quale i lavoratori autonomi non svolgono attività lavorativa.

 

Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo. Precisazioni sull’ambito di applicazione

Con il messaggio n. 2241 del  10 giugno 2021, l’INPS precisa che le risorse assegnate per il 2021 al Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo e del sistema aeroportuale possono essere utilizzate per il finanziamento di tutte le tipologie di prestazioni erogate dal Fondo, non soltanto per i trattamenti in deroga.

 

Fondo gas versamento del contributo straordinario

L’INPS, con la circolare n. 82 dell’8 giugno 2021, comunica che  tramite il Cassetto bidirezionale, all’oggetto “Contributo straordinario Fondo Gas DL 78/2015”, sono stati messi a disposizione gli importi da versare a titolo di contribuzione, con riferimento all’ultimo mese di attività, e il codice causale relativo al periodo per il quale risultano obbligate le aziende iscritte al Fondo in oggetto.

 

Università non statali – equiparazione delle aliquote contributive

Con la circolare n. 81 dell’8 giugno 2021, l'INPS rende noto informa che a seguito della legge 30 dicembre 2020, n. 178 è stato disposto che, dal 1° gennaio 2021, l’aliquota contributiva di finanziamento delle prestazioni pensionistiche delle Università non statali legalmente riconosciute e delle Università statali sia inderogabilmente la stessa.

Pertanto, il carico contributivo complessivo per il finanziamento delle prestazioni pensionistiche, ripartito tra Università-datrice di lavoro e personale dipendente appartenente alla categoria dei professori universitari e ricercatori è, per tutti gli Istituti Universitari non statali legalmente riconosciuti, fissato nell’aliquota del 33% della contribuzione imponibile.

 

Pubblicazione del manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali e assistenziali

L’INPS, con il messaggio n. 2185 del 7 giugno 2021, pubblica il manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali e assistenziali, integrato con l’aggiornamento delle attività economiche effettuato dall’Istat a ottobre 2020.

Il manuale sostituisce quello allegato alla circolare n. 56 dell’8 marzo 2017, e recepisce altresì le disposizioni amministrative emanate dall’Istituto in materia di inquadramento dopo il mese di gennaio 2017.

 


MINISTERO DEL LAVORO

Smart working e collocamento obbligatorio

Il  Ministero del lavoro, con risposta a interpello n. 3 del 10 giugno 2021, ha chiarito che i dipendenti in smart working non devono essere esclusi dalla base di computo dell’organico aziendale per la determinazione del numero dei soggetti disabili da assumere ai sensi della L. 68/1999.

L’istanza formulata dal Consiglio Nazionale dei consulenti del lavoro prende le mosse dalla previsione contenuta nell’articolo 23, D.Lgs. 80/2015, che sancisce l’esclusione dei “lavoratori ammessi al telelavoro dal computo dei limiti numerici previsti da leggi e contratti collettivi per l’applicazione di particolari normative ed istituti”. Il Ministero ritiene che, ai fini dell’applicazione dei criteri di computo dell’organico aziendale, non sia possibile un’assimilazione dei lavoratori ammessi al telelavoro a quelli in smart working, con la conseguente esclusione anche di questi ultimi per la determinazione della quota di riserva, nonostante le analogie riscontrabili tra tali istituti, entrambi caratterizzati da una comune finalità di conciliazione tra vita privata e lavorativa, nonché da similari modalità organizzative flessibili che consentono lo svolgimento dell’attività lavorativa da remoto

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE

Tax credit cinema: istituti i codici tributo

Con la risoluzione n. 42 dell'8 giugno 2021, l'Agenzia delle entrate istituisce i codici tributo che  consentono alle industrie tecniche e di post-produzione, inclusi i laboratori di restauro, e alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva di fruire degli sconti fiscali previsti dagli articoli 17, comma 2 e 15 della legge n. 220/2016.

 

Cambi valute estere

L’Agenzia delle entrate pubblica il provvedimento del 9 giugno 2021 che accerta le medie dei cambi delle divise estere relative al mese di maggio 2021, calcolati a titolo indicativo dalla Banca d’Italia sulla base di quotazioni di mercato. La tabella contenuta nel provvedimento riporta, accanto alle medie dei cambi, il nome dello Stato e la moneta di riferimento.

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE INTERPELLO

Risposta n. 390 del 7 giugno 2021 –Tassazione di un atto di transazione tra eredi e terzo

Un atto transattivo tra due eredi e una terzo soggetto cointestatario fittizio dei beni del de cuius, con cui quest’ultimo, riconoscendo tale artifizio, si impegna a pagare agli eredi l’importo corrispondente alla sua quota di patrimonio, sconta l’imposta di registro in misura proporzionale con aliquota al 3 per cento.

 

Risposta n. 391 del 7 giugno 2021 –Tomografo computerizzato ad uso odontoiatrico

La società che non ha applicato l’agevolazione Iva previsa dall’articolo 124 del decreto “Rilancio” per la cessione di tomografi computerizzati può rettificare la maggiore imposta erroneamente applicata, emettendo una nota di variazione, entro un anno dall’operazione.

 

Risposta n. 392 del 7 giugno 2021 –Assegnazione e utilizzo dei punti nell'ambito di un programma di fidelizzazione mediante App - Disciplina IVA

considerando che con la sottoscrizione dell’abbonamento ogni esercente si obbliga ad assegnare punti agli utenti della App e ad acquistare tali punti presso la società istante che, secondo quanto da lei precisato, rappresentano parte integrante del corrispettivo che riceve dagli esercizi commerciali ad essa affiliati, ritiene che l’acquisto dei punti sia per gli esercenti un vero e proprio corrispettivo dovuto alla società per l’affiliazione alla App e di conseguenza debba essere assoggettato ad aliquota Iva ordinaria.

 

Risposta n. 394 del 8 giugno 2021 – iperammortamento garantito

I carrelli elevatori, acquistati dal 2017 al 2020 da una società che svolge attività di noleggio, e l’apparecchio e il software, che li interconnetteranno nel corso del 2021, godono delle agevolazioni fiscali previste per gli investimenti in beni strumentali nuovi, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale e dotati delle caratteristiche intrinseche in chiave "industria 4.0".

 

Risposta n. 395 del 9 giugno 2021 – procedura concorsuale all'estero - rimborso IVA

La regola secondo cui i rimborsi Iva non ancora liquidati alla data della dichiarazione di fallimento o di liquidazione coatta amministrativa, e i rimborsi successivi, sono eseguiti senza la prestazione delle garanzie (per un ammontare non superiore a 258.228,45 euro) non può applicarsi alla procedura di insolvenza avviata, nel caso in esame, dal tribunale di Amburgo nei confronti di una società tedesca con sede in Germania e identificata in Italia, ai fini Iva, tramite rappresentante fiscale.

 

Risposta n. 396 del 8 giugno 2021 – Fruizione del credito d'imposta attività e sviluppo

La società che non ha usufruito del credito d’imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo effettuati nel 2015 e non li ha indicati nel modello Unico Sc 2016 non perde il diritto all’agevolazione perché automaticamente riconosciuta dal momento in cui l’investimento è stato realizzato. Il bonus potrà essere recuperato tramite la presentazione delle dichiarazioni dei redditi integrative per ciascuno degli anni in cui ciò sia ancora possibile.

 

Risposta n. 399 del 10 giugno 2021 –  aliquota iva  opere di bonifica e messa in sicurezza

Le prestazioni finalizzate al risanamento ambientale/sanitario di determinati siti del territorio regionale interessati da fenomeni di diffusione di inquinamento, inserite all’interno di un piano regolarmente autorizzato, scontano l’Iva al 10%. Tali opere, costruzioni e impianti, infatti, sono da considerare “attrezzature sanitarie”, riconducibili alle opere di urbanizzazione secondaria, soggette all’imposta sul valore aggiunto con quell’aliquota.

 

Risposta n. 400 del 10 giugno 2021 – aliquota iva struttura assistenziale

La struttura assistenziale che ospita anziani non autosufficienti, fornendo loro servizi di natura alberghiera e sanitaria in maniera permanente nell’arco delle 24 ore, è assimilabile a una casa di riposo, le cui prestazioni sono esenti dall’Iva. Tuttavia, se il global service è gestito da una cooperativa sociale, l’imposta va applicata, seppure nella misura ridotta del 5%.

 

Risposta n. 402 del 10 giugno 2021 – trattamento applicabile al contributo erogato a sostegno di una riduzione della Tari

Un Comune che, a seguito della pandemia, ha applicato le riduzioni Tari per alcune categorie di utenze non domestiche, sulla base di una quantità ridotta di rifiuti prodotti, dovrà far concorrere il contributo elargito per compensare tali perdite alla base imponibile Iva, in quanto esiste il nesso di reciprocità fra lo stesso Comune e il gestore beneficiario, che giustifica l’applicazione dell’imposta.. Tale contributo-sostegno deve essere, quindi, fatturato dal gestore in regime di split payment.

 

Risposta n. 403 del 10 giugno 2021 –  aliquota iva  costruzione serbatoio artificiale

non è possibile applicare l’Iva ridotta con aliquota al 10% alla costruzione di un serbatoio artificiale per l’accumulo di acqua, che andrà poi prelevata e distribuita soltanto ai membri del consorzio stesso e non alla collettività.

 

Risposta n. 404 del 10 giugno 2021 –  irap  conferimento d'azienda

Nell’ambito di un conferimento d’azienda avvenuto nel 2019, la conferitaria non può usufruire dell’agevolazione Irap prevista dal decreto “Rilancio” e determinare l'acconto “figurativo” 2020 da scomputare dal calcolo dell’imposta da versare a saldo per lo stesso anno, facendo riferimento alla dichiarazione della conferente.

 


AGENZIA DELLE DOGANE

E-commerce da paesi Terzi

L'Agenzia delle dogane con determina direttoriale dell'8 giugno 2021 stabilisce che gli operatori iscritti nell’elenco “e-commerce P41” (platform for import), dal 15 al 30 giugno 2021, previa specifica comunicazione, possono mantenere le semplificazioni dichiarative loro concesse, in ragione alla loro iscrizione nell’elenco. La comunicazione, contenente una illustrazione delle motivazioni, va inviata alla direzione Dogane, che gestisce il suddetto elenco, e, per conoscenza, alla direzione Organizzazione e Digital Transformation, oltre che alla direzione territoriale e all’ufficio delle dogane competenti. La direzione Dogane, in assenza di osservazioni da parte delle strutture interessate, tacitamente conferma la validità dell’iscrizione fino al 1° luglio 2021.Se non funzionano i sistemi informatici degli operatori interessati si può ricorrere alla procedura di emergenza denominata “Bottone Rosso”.