Giovedì, 10 Agosto 2017 16:18

Fondo di solidarietà per riconversione professionale: novità per l’assegno

L’Inps, con il messaggio n. 3267 del 09 agosto 2017, recepisce la disciplina innovata, in materia di assegno straordinario erogato dal Fondo di solidarietà per la riconversione e riqualificazione professionale, riguardo la proroga della durata massima e la riduzione del contributo straordinario di finanziamento disposto dalla Legge di bilancio 2017.

In particolare, l’Istituto ricorda che la durata massima pari a 7 anni del periodo di permanenza in tale Fondo è stata prorogata agli anni 2018 e 2019. La Legge di Bilancio 2017 ha previsto la riduzione del contributo straordinario a carico dei datori di lavoro, compresa la contribuzione correlata, per le nuove decorrenze di assegno straordinario erogato dai settori destinatari dei fondi di solidarietà, nel triennio 2017-2019 ed entro il limite massimo complessivo di 25mila lavoratori. La riduzione del finanziamento - si legge nel messaggio dell'Istituto previdenziale - può essere richiesta anche dalle imprese, in possesso dei requisiti richiesti, i cui accordi aziendali risultino in essere alla data di entrata in vigore della norma in esame. L’importo della riduzione del finanziamento a carico dei datori di lavoro deve essere calcolato, in via teorica e per ciascun lavoratore coinvolto, con riguardo agli articoli 4 e 5 del decreto legislativo n. 22 del 2015, per i primi 24 mesi, con esclusione della tredicesima mensilità, e in ogni caso relativamente a un periodo non superiore alla durata dell’assegno straordinario.

L’assegno straordinario viene liquidato, in via provvisoria, con il riconoscimento della riduzione complessiva (quota assegno e quota contribuzione) sul finanziamento mensile come da tabella allegata, salvo conguaglio nei casi in cui tale riduzione dovesse risultare di importo diverso. Ne deriva che nulla è innovato con riguardo al versamento della contribuzione correlata da parte del datore di lavoro, la quale deve continuare a essere interamente versata. Il dettaglio della provvista mensile, messo a disposizione dell’ente esodante nel Portale prestazioni di esodo dei Fondi di solidarietà e accompagnamento alla pensione, è stato implementato, per ciascun ex dipendente, con l’importo lordo comprensivo della riduzione. Inoltre, si informa che la procedura automatizzata di liquidazione dell’assegno straordinario è stata aggiornata per i settori del credito ordinario e del credito cooperativo.

Per quanto riguarda il monitoraggio delle domande di assegno straordinario, affidato all’Inps, verrà adottato il criterio della data di cessazione del rapporto di lavoro e per le domande trasmesse oltre i due mesi dalla predetta data, si avrà riguardo anche alla data di presentazione della domanda. L’Inps non prenderà in esame ulteriori domande se dal monitoraggio risulterà il raggiungimento, anche in via prospettica, dei limiti di copertura finanziaria e di soggetti beneficiari previsti dalla norma.
Con successivo messaggio, informa l'Inps, verranno rese note le modalità operative di tale monitoraggio.