///**/
Stampa questa pagina
Martedì, 09 Maggio 2017 14:35

Dl 50/2017: il Cup in audizione sulle proposte di modifica

Il Comitato unitario delle professioni, oggi in audizione presso le Commissioni riunite del Senato della Repubblica (Bilancio) della Camera dei Deputati (Bilancio, Tesoro e programmazione) sul decreto fiscale, ha depositato un documento contenente osservazioni e proposte su alcune misure del ddl n.4444 di “conversione in legge del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50" che rischiano di essere troppo penalizzanti per gli iscritti agli ordini e collegi professionali e soprattutto non in linea con le finalità di bilancio e di contrasto all'evasione fiscale che si intendono perseguire.

Tra le osservazioni spiccano, ad esempio, i chiarimenti urgenti sulla natura del Bonus Renzi e del credito d'imposta scaturente dal modello 730, assieme al ripristino della possibilità di trasmissione dei modelli F24 tramite i canali alternativi a quello dell'Agenzia delle Entrate. Viene considerata ingiustificata, inoltre, l’estensione dello split payment ovvero della “scissione dei pagamenti” ai professionisti e ai lavoratori autonomi che prestano servizi alla Pubblica Amministrazione e agli altri soggetti attratti alla disciplina con il dl 50/17. L’esclusione dei professionsiti da questo meccanismo era giustificata dal fatto che i titolari di reddito di lavoro autonomo sono già soggetti a ritenuta alla fonte all’atto dell’incasso delle fatture da loro emesse nei confronti della P.A. La trattenuta sulla medesima fattura, anche dell’IVA, era considerata una duplicazione non necessaria per soddisfare le esigenze di contrasto all’evasione fiscale che hanno ispirato l’introduzione di tale meccanismo. Pertanto il Comitato chiede l’abrogazione della lettera c) dell’articolo 1, comma 1, del decreto-legge n. 50 del 2017 e, per l’effetto, la reviviscenza della disciplina dalla stessa abrogata.

Il Cup, con le sue proposte di modifica, vuole rendere la normativa più conforme al lavoro quotidiano e alle responsabilità dei professionisti. Per questo, dopo aver sollecitato interventi di modifica alla normativa, ha richiesto la proroga dell'entrata in vigore delle novità normative - così modificate - per dare agli Uffici, ai professionisti, alle software house e ai contribuenti la possibilità di adeguare procedure e disposizioni.

Leggi il comunicato stampa

Leggi le proposte di modifica presentate in audizione

Guarda l'intervento del Segretario Giorgini


Rassegna stampa: Il Sole 24 Ore del 10.05Italia Oggi del 10.05

Rassegna web: ilsole24ore.com

Leggi la circolare di Fondazione Studi n.4/17