Venerdì, 03 Marzo 2017 15:59

I contributi da versare quando il licenziamento è nullo

Il licenziamento giustificato da motivazioni sindacali è radicalmente nullo e non idoneo a determinare la fine del rapporto di lavoro e il permanere di tutte le obbligazioni, incluse quelle contributive a carico del datore di lavoro.

A stabilirlo la sentenza n.4899 del 27 febbraio 2017 della Corte di Cassazione che ha evidenziato che in tali circostanze l’Inps è legittimato a richiedere il versamento dei contributi anche in relazione al periodo eventualmente non lavorato da parte dei lavoratori, né ad essi retribuito.La Corte di Cassazione si è espressa in merito al licenziamento di tre lavoratori ai quali non sono stati poi versati i contributi per il periodo successivo alla pronuncia giudiziale e quello precedente al reintegro.  Le motivazioni della Suprema Corte sono state approfondite nell’articolo di oggi a pagina 39 de Il Sole 24 Ore, disponibile per tutti i Consulenti del Lavoro iscritti al portale della Fondazione UniversoLavoro accedendo al servizio nazionale di rassegna stampa quotidiano a loro riservato.

Notizie correlate: Reintegra del lavoratore con patto di prova nullo - Licenziamenti PA, le procedure da seguire - Niente licenziamento per rifiuto trasferimento dopo maternità - Licenziamento economico, la sentenza della Cassazione