Stampa questa pagina
Martedì, 03 Gennaio 2017 14:51

Consulente del Lavoro è solo chi è iscritto all’Ordine

La legge 12/79 all'art. 1 comma 3 definisce Consulente del Lavoro solo chi è iscritto in uno dei 106 albi detenuti dai Consigli Provinciali. Da questo deriva la netta distinzione, voluta dal Legislatore e prevista nella citata legge, tra chi è “abilitato” all’esercizio di questa professione e chi, invece, ne è meramente “autorizzato” per alcune funzioni.

"La distinzione sta nel fatto che per essere iscritti all'Ordine - ed essere, quindi, abilitati all'esercizio della professione con relativo utilizzo del titolo professionale - bisogna svolgere il praticantato e superare l'esame di Stato, garanzia cioè di avere approfondito in modo specialistico le materie oggetto della professione di Consulente del Lavoro. Non a caso gli esami sono organizzati, gestiti e vigilati dal Ministero del lavoro, su previsione della medesima legge. Tutto questo, invece, non è richiesto per gli autorizzati, cioè gli altri soggetti che avendo altri requisiti rispetto a quelli sopracitati possono svolgere  alcune delle funzioni attribuite invece alla categoria".

Così Rosario De Luca, Presidente di Fondazione Studi, nel suo ultimo editoriale per "Leggi di Lavoro", nel quale precisa che "la differenziazione esistente nella norma trova la sua ragione d'essere nel diverso percorso formativo e qualificativo che si è obbligati a seguire per potersi iscrivere all'Ordine dei Consulenti del Lavoro e, conseguentemente, potersi fregiare del titolo".

Sullo store della Fondazione Studi l'imperdibile offerta per abbonarsi per un anno a Leggi di Lavoro scegliendo tra il formato cartaceo e l'app per tablet e smartphone o il solo abbonamento in formato digitale.

Notizie correlate: Dimissioni online, ribadita la centralità dei consulenti