Stampa questa pagina
Giovedì, 12 Maggio 2022 16:43

GOL: da Anpal nuovo quadro operativo per politiche attive più efficaci

Nuove indicazioni operative per i servizi di politica attiva del lavoro da attuare nell’ambito del programma GOL. È quanto si apprende dalla delibera del Commissario straordinario di Anpal n. 5 del 9 maggio 2022 che, modifica, sostituendola, la strumentazione finora in vigore e, in particolare, gli strumenti per l’attuazione dell’assessment-profilazione qualitativa, gli strumenti per l’attuazione dell’assessment-profilazione quantitativa e gli standard dei servizi di GOL e relative unità di costo standard. In pratica, rispetto alla “profilazione quantitativa”, il nuovo sistema consentirà agli operatori dei centri per l’impiego di valutare il livello di occupabilità degli utenti, sfruttando gli archivi di dati amministrativi, da un lato alimentati dalla persona stessa all’atto della registrazione quale disoccupata (Did), dall’altro comunicati dal datore di lavoro all’atto dell’attivazione o della cessazione di un posto di lavoro. In questo modo, si legge nel comunicato stampa dell’Agenzia dello scorso 10 maggio, si può stimare in modo più accurato la probabilità di trovare occupazione entro una certa data ed è, dunque, possibile definire più efficacemente la distanza dal mercato del lavoro. Le indicazioni provenienti dalla profilazione quantitativa vengono poi arricchite e approfondite dagli operatori dei centri per l’impiego attraverso l’interazione degli utenti nella successiva fase di valutazione qualitativa (assessment). L’obiettivo della seconda fase è di far emergere i bisogni dei soggetti “in termini di accompagnamento alla ricerca del lavoro oppure di aggiornamento/riqualificazione delle competenze o di supporto da dare alla rete dei servizi territoriali”. In presenza di eventuali criticità, l’operatore effettuerà un’analisi più approfondita per migliorare la presa in carico. Sulla base dell’assessment, l’utente stipula il patto di servizio e viene indirizzato a uno dei percorsi previsti dal programma Gol, a seconda della distanza dal mercato del lavoro:

  1. Percorso di reinserimento lavorativo;
  2. Percorso di aggiornamento (upskilling);
  3. Percorso di riqualificazione (reskilling);
  4. Percorso lavoro e inclusione.

La delibera Anpal aggiorna, infine, gli standard di servizio da garantire a tutti i beneficiari di GOL sull’intero territorio nazionale.

 

Notizie correlate: Politiche attive: l’impatto occupazionale delle riforme; GOL, Calderone: “Nessuno va lasciato solo”; GOL, la sfida delle politiche attive