///**/
Stampa questa pagina
Venerdì, 08 Aprile 2022 16:30

GOL, Calderone: “Nessuno va lasciato solo”

La riforma del sistema delle politiche attive attraverso il Programma Garanzia Occupabilità dei Lavoratori è un’opportunità unica e insieme un’importante sfida a non lasciare indietro nessuno, investendo su una nuova collaborazione tra pubblico e privato all’interno dei territori. Durante il convegno organizzato dalla Fondazione Consulenti per il Lavoro in collaborazione con il Consiglio nazionale dell’Ordine e la Fondazione Studi il 6 aprile a Roma, tutti coloro che sono attivi nella messa a terra dei 4,4 miliardi di euro messi a disposizione dal PNRR per la missione V concordano sulla necessità di progettare un sistema in grado di trasformare l’occupabilità in occupazione e migliorare l’assetto del mercato del lavoro, anche per le imprese che vogliono – e per le trasformazioni in atto, devono – intercettare nuove competenze.
«Da tecnico del mondo del lavoro, quando leggo le risorse a disposizione del Programma Gol, vedo l’enormità della scommessa a cui siamo chiamati – ha affermato la Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine, Marina Calderone, nel suo intervento – Ognuno deve fare la sua parte perché abbiamo bisogno delle competenze di tutti per disegnare un Paese diverso, più semplice e inclusivo».

Numerose le riflessioni emerse dai territori attraverso gli assessori regionali che hanno partecipato all’evento, in un dibattito incalzante sulla revisione di servizi e sistema. «Fondamentale – ha ricordato Raffaele Tangorra, commissario straordinario Anpal ‒ avere le antenne ben orientate per capire i fabbisogni delle imprese e dare concretezza alle prestazioni». In questo senso, per il Commissario Anpal i Consulenti del Lavoro sono fondamentali nella “partita” di Gol, considerata la loro prossimità alla parte imprenditoriale più debole, le piccole e medie imprese. «I piani regionali sono stati approvati o sono in fase di approvazione – ha ricordato Vincenzo Silvestri, Presidente di Fondazione Lavoro ‒. Ci auguriamo che Gol rappresenti lo strumento per far sbocciare ciò che fino ad oggi è mancato nel mondo del lavoro, ben oltre l’orizzonte quinquennale delineato dal Programma».

Guarda le interviste al Commissario Anpal e al Presidente di Fondazione Lavoro

Programma Gol, le prospettive di Lazio e Piemonte

Rivedi l’evento

 

Notizie correlate: GOL, la sfida delle politiche attive - “Nuove geografie del lavoro”: il nuovo programma della web tv - Obiettivo certificazione delle competenze