Giovedì, 17 Marzo 2022 08:40

L’attualità di Marco Biagi a vent’anni dalla morte

Si terrà oggi pomeriggio, dalle ore 16:00 alle ore 18:00, a Roma presso l’Auditorium dei Consulenti del Lavoro, l’evento “L’attualità di Marco Biagi a vent’anni dalla morte. Verso un modello di equità ed efficienza nella regolazione delle controversie nel lavoro”, organizzato dal Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro e dalla Fondazione Studi per ricordare la figura del giuslavorista scomparso prematuramente nel 2002. Con l’obiettivo di riflettere sulla modernità dei contenuti del Libro Bianco e sulle competenze acquisite negli anni dai Consulenti del Lavoro nell'ambito della certificazione dei contratti, conciliazione e arbitrato e, da ultimo, nella negoziazione assistita in materia di lavoro, si analizzerà l’evoluzione di questi strumenti per sollecitarne un modello che dia maggiore regolarità, equità ed efficienza all'attuale mercato del lavoro. L'evento vedrà intervenire la Presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine, Marina Calderone; la Presidente della Fondazione Biagi e moglie del giuslavorista, Marina Biagi; l'ex Ministro del Lavoro e autore del volume "Il modo di Biagi. Dizionario della modernità del lavoro", Maurizio Sacconi, e il Direttore de "Il Sole 24 Ore", Fabio Tamburini. A seguire, le relazioni di Luca De Compadri, esperto della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro; Giampiero Proia, professore di diritto del lavoro presso l’Università Roma Tre, e Pasquale Staropoli, responsabile della Scuola di Alta Formazione della Fondazione Studi. I lavori, coordinati dal Presidente della Fondazione Studi Rosario De Luca, saranno trasmessi in diretta streaming sul sito e sulla web tv di Categoria e consentiranno di ottenere crediti per la formazione continua obbligatoria.

La locandina

Iscriviti!

 

Notizie correlate: Biagi, Orlando: "Giurista lungimirante con idee riformiste da ripercorrere" - Ripensare le politiche attive per superare la crisi e far ripartire il Paese - I racconti privati della vita pubblica di Maurizio Sacconi