Giovedì, 23 Dicembre 2021 18:13

Proroga ampia per i conguagli Cig Covid

Come anticipato dal messaggio Inps n. 4580 del 21 dicembre 2021, l’Inps ha diramato nel messaggio n. 4624 del 23 dicembre 2021 le ulteriori precisazioni circa le modalità operative per la rimessa nei termini delle autorizzazioni a conguaglio.

Sono interessate le autorizzazioni scadute tra il 31 gennaio e il 30 settembre 2021 e, per queste, verrà differito al 31.12.2021 il termine decadenziale relativo al conguaglio.

Le aziende che non hanno ancora effettuato il conguaglio potranno esporlo con le consuete modalità in uso nei flussi di competenza di novembre e dicembre 2021, mentre per le aziende che hanno già provveduto all’esposizione del conguaglio oltre la data di scadenza originaria, si potranno ipotizzare due tipologie di intervento in relazione alle note di rettifica già emesse. Laddove le note di rettifica generate non siano state ancora definite, le stesse saranno sottoposte a ricalcolo per il riconoscimento del conguaglio spettante. Fino al 31 marzo 2022, invece, per l’invio di flussi regolarizzativi al fine di generare il credito utile per la chiusura dell’inadempienza, nei casi in cui le note di rettifica siano state definite e inviate al recupero crediti, per il riconoscimento dei conguagli spettanti.

 

Notizie correlate: CIG Covid-19, differimento termini - Riapertura termini CIG, istruzioni per l’uso - Convertito in legge il decreto fiscale