Martedì, 14 Settembre 2021 11:45

Indebita percezione contributo a fondo perduto Decreto Sostegni

Restituzione ma senza sanzioni per il contribuente che ha indebitamente percepito il contributo a fondo perduto previsto dal decreto Sostegni a causa di un errore di calcolo chiarito solo successivamente alla regolare percezione della somma dall'Agenzia delle Entrate. È la precisazione che arriva dall'Agenzia con la risposta a interpello n. 581 del 8 settembre 2021 che ha ritenuto inapplicabile il regime sanzionatorio previsto in presenza di obiettive condizioni di incertezza sull’applicazione della norma. In particolare, nel caso di specie, supponendo che l’errore commesso dall’istante sia solo quello di aver inserito nel calcolo del fatturato medio mensile il valore di un bene immobile estromesso/assegnato a sé medesimo, l’amministrazione ritiene che, in applicazione dell’articolo 10 dello Statuto del contribuente, l’istante possa restituire il contributo comprensivo di interessi ma senza sanzioni. Il versamento deve essere effettuato tramite la compilazione del modello F24 con specifici codici tributo e indicazioni fornite dalla risoluzione n. 24/E del 12 aprile 2021.


Notizie correlate: Contributi a fondo perduto, più tempo per le dichiarazioni - Fondo perduto decreto Sostegni: non spetta agli eredi - Contributi Covid fuori dai modelli Redditi e Irap