Giovedì, 22 Luglio 2021 16:50

Licenziamenti e Cig, nuovo modello per le procedure di conciliazione

Si riattivano le procedure di conciliazione per i licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo ai sensi dell’articolo 7 della Legge n. 604/1966 e dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro arriva il nuovo modulo per l’acquisizione delle informazioni utili all’istruttoria. A fornire indicazioni e chiarimenti sulla disciplina in vigore dal 1° luglio, ricavabile dalla lettura sistemica delle disposizioni dei decreti legge n. 41, 73 e 99 del 2021, è la nota dell’Inl n. 5186 del 16 luglio alla quale è allegato il "Modulo Inl 20bis" da predisporre in caso di istanza di conciliazione.
Il documento, condiviso con la Direzione Centrale Coordinamento Giuridico e in merito al quale si è provveduto ad acquisire parere dell'Ufficio legislativo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, specifica per quali tipologie di aziende è ancora inibito il licenziamento e si sofferma sulla correlazione tra divieto di licenziamento e domanda di integrazione salariale. In particolare, l’Inl ricorda che nel caso di procedure di conciliazione è prevista la verifica attraverso le banche dati di quanto dichiarato dalle aziende rispetto alla fruizione degli strumenti di integrazione salariale: in caso di incongruenza delle dichiarazioni, la procedura sarà archiviata e sarà esteso di conseguenza il periodo di vigenza del divieto di licenziamento. Non solo: la presentazione di domanda di cassa integrazione, ai sensi degli articoli 40 e 40-bis del D.L. n. 73/2021, successivamente alla definizione delle procedure di conciliazione, sarà valutata ai fini della programmazione delle attività di vigilanza connesse alla fruizione degli ammortizzatori sociali.

Notizie correlateLa guida pratica agli ammortizzatori sociali, Licenziamenti, arriva lo sblocco, Sostegni bis: tasse estive, cashback, cig e licenziamenti