Stampa questa pagina
Giovedì, 22 Luglio 2021 13:08

Codici conguaglio tutela per quarantena: esonerare CdL da riconciliazione

Esonerare aziende e Consulenti del Lavoro dalla richiesta di variazione dei codici conguaglio, tutela malattia ex art. 26 del Decreto Legge 18/2020, tramite flussi Uniemens. È quanto richiesto dalla Presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone, in una lettera inviata al Direttore Generale Inps, Gabriella Di Michele. Tale richiesta di riconciliazione - sottolinea la missiva - avviene con notevole ritardo rispetto al periodo temporale di riferimento e aumenta le difficoltà per i Consulenti del Lavoro che devono reperire i dati necessari per procedere con la variazione telematica. Per il CNO è ragionevole ritenere che l’Istituto sia già in possesso di tutti i dati necessari per procedere ad una riconciliazione informatica interna ed automatica dei codici corretti, esonerando aziende e professionisti. Infine, si legge, il Consiglio Nazione dell'Ordine ribadisce che ad oggi mancano le istruzioni operative per il recupero dei restanti oneri a carico del datore di lavoro, così come previsto dal comma 5 dell’art. 26 del D.L. n. 18/2020, per i quali si sollecita una pronta definizione della questione.

Leggi la lettera del CNO

Notizie correlate: Calderone: visualizzare pagamenti SR41 su cassetto intermediario - Calderone: accogliere istanze di anticipazione salariale - Tavolo tecnico CNO-INPS: novità su SPID e ammortizzatori sociali