Martedì, 06 Luglio 2021 16:38

Le Novità Normative della Settimana dal 28 giugno al 4 luglio 2021

Approvato il Decreto Lavoro e Imprese

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 155 del 30 giugno 2021 il decreto legge n. 99 del 30 giugno 2021, con Misure urgenti in materia fiscale, di tutela del lavoro, dei consumatori e di sostegno alle imprese.

Per favorire l’utilizzo di pagamenti elettronici, il Governo adotta una nuova strategia, attraverso la previsione di incentivi fiscali sotto forma di crediti di imposta per chi si dota entro l’anno di POS e registratori telematici e per le commissioni maturate tra il 1° luglio e il 30 giugno del prossimo anno. È sospeso invece il cashback per il prossimo semestre e le risorse risparmiate saranno destinate agli ammortizzatori sociali. Novità anche sulle cartelle esattoriali con il rinvio al 31 agosto della notifica dellecartelle esattoriali.

Inoltre rinvio al 31 luglio del termine di approvazionetariffe e regolamenti TARI per i Comuni ed infine oltre un miliardo di Euro permitigare l’aumento dei prezzi dell’energia elettrica, causato dall’aumento dei prezzi delle materie prime nel trimestre luglio-settembre 2021

Arriva con il nuovo decreto lo sblocco dei licenziamenti per il settore edilizio e manifatturiero, ad eccezione del settore tessile. In dettaglio, nel decreto legge sono contenute le seguenti misure:

  • Proroga al 31 ottobre del divieto di licenziamento nel settore della moda e tessile (codici teco 13, 14, 15)
  • Per i settori in cui dal 1° luglio è superato il divieto di licenziamento, le imprese potranno fruire della CIG straordinaria in deroga per 13 settimane fino al 31 dicembre, senza contributo addizionale, purché accettino di mantenere il divieto di licenziamento per quel periodo.
  • Istituzione di un fondo per il finanziamento dellaformazione dei lavoratori in CIG e nuova assicurazione sociale per l’impiego (NASPI)

Rifinanziamento della Nuova Sabatini per 300 milioni di Euro per il 2021

 

INPS

Avvio del processo di dismissione del PIN INPS in favore dei nuovi strumenti di identificazione digitale (SPID, CIE e CNS)

L’INPS, con la circolare n. 95 del 2 luglio 2021, comunica il piano di progressiva transizione alle identità digitali SPID, CIE e CNS per l’autenticazione e l’accesso ai servizi web INPS.

Per assicurare una più graduale transizione dal PIN verso l’utilizzo di credenziali SPID, CIE e CNS, l’accesso tramite PIN ai servizi online con profili diversi da quello di cittadino non sarà più consentito a partire dal 1° settembre 2021.

Pertanto, al fine di non interrompere gli adempimenti connessi alla propria attività lavorativa, gli utenti che operano in qualità di intermediario, azienda, associazione di categoria, pubblica Amministrazione, professionista esercente l’attività di medico o di avvocato, ecc., dovranno dotarsi di una credenziale SPID di livello non inferiore a 2 o della CIE (con relativo PIN) o di una CNS entro il mese di agosto 2021.

 

Iscro professionisti al via le domande dal 1 luglio

L'INPS, con circolare n. 94 del 30 giugno 2021, informa che è possibile presentare, a partire dall’1 luglio e fino al 31 ottobre 2021, le domande di ISCRO, la nuova misura di sostegno al reddito dei liberi professionisti introdotta dalla Legge di Bilancio 2021.

indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa (ISCRO), in vigore in via sperimentale per il triennio 2021-2023, destinata ai liberi professionisti, compresi i partecipanti agli studi associati o società semplici, iscritti alla Gestione separata, che esercitano per professione abituale attività di lavoro autonomo connesso all’esercizio di arti e professioni.

 

Assegno temporaneo per i figli minori. Nuove precisazioni

Con circolare n. 93 del 30 giugno2021, l’INPS rende noto  ulteriori indicazioni e precisazioni sui requisiti e le condizioni di spettanza dell’Assegno temporaneo per i figli minori, la misura ponte introdotta in attesa dell’entrata in vigore, a partire dal 2022, dell’Assegno unico universale. Nel documento di prassi, in particolare, l’Istituto riepiloga i requisiti e l’ambito di applicazione della misura, la compatibilità dell’Assegno temporaneo nonché le modalità e termini di presentazione della domanda, con la decorrenza della erogazione e le relative modalità di pagamento.

 

Maggiorazione degli importi degli assegni per il nucleo familiare

L’INPS, con la circolare n. 92 del 30 giugno 2021, pubblica le istruzioni relative alle maggiorazioni e le indicazioni in merito all’adeguamento, con decorrenza 1° luglio 2021, dei livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’ANF alle diverse tipologie di nuclei. Si precisa che l’Assegno per il Nucleo Familiare non è compatibile con l’Assegno temporaneo per i figli minori.

Il decreto-legge 8 giugno 2021, n. 79 riconosce agli aventi diritto all’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF), a decorrere dal 1° luglio e fino al 31 dicembre 2021, una maggiorazione di 37,5 euro per ciascun figlio, per i nuclei familiari fino a due figli, e di 55 euro per ciascun figlio, per i nuclei familiari di almeno tre figli.

La maggiorazione è riconosciuta anche in presenza di figli maggiorenni inabili a un proficuo lavoro, oltre che di figli con età compresa tra i 18 e i 21 anni se studenti o apprendisti e appartenenti a nuclei numerosi.

 

Decreto Sostegni bis: indennità una tantum e onnicomprensiva

Con la circolare numero 90 del 29 giugno 2021, l’INPS ha fornito indicazioni di dettaglio su requisiti e modalità di accesso ai diversi bonus previsti dal Decreto Sostegni bis.

dal 25 giugno e fino alla scadenza del 30 settembre 2021 è attivo il servizio online per accedere alla nuova tornata di indennità Covid che prevede importi diversi, 1.600 euro, 950 euro o 800 euro, per le diverse categorie di lavoratori.

 

Decontribuzione sud anche sulle mensilità aggiuntive

L’INPS, con il messaggio n. 2434 del 28 giugno 2021, cambia orientamento sulla possibilità di fruire della Decontribuzione sud anche sulle mensilità aggiuntive erogate nell’anno in corso.

In considerazione dell’ambito temporale di fruizione della misura in trattazione, individuabile nell’intero anno civile (ossia dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021), la decontribuzione può trovare applicazione indipendentemente dalla competenza temporale della maturazione dei ratei.

Pertanto, con specifico riferimento alla quattordicesima mensilità, si rappresenta che la Decontribuzione sud può trovare applicazione, nella percentuale prevista del 30%, anche per gli eventuali ratei maturati durante l’anno 2020, purché l’erogazione della mensilità aggiuntiva avvenga nell’anno in corso.

 

Bonus  iscrizione ai centri estivi e ai servizi integrativi per l’infanzia

L’INPS, con il messaggio n. 2433 del 28 giugno 2021, fornisce le istruzioni per la richiesta del bonus in ipotesi di comprovata iscrizione ai centri estivi, ai servizi integrativi per l’infanzia, di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia.

È possibile presentare la richiesta di bonus allegando alla domanda di prestazione la documentazione attestante l’iscrizione ai suddetti centri e strutture che offrono servizi, indicando i periodi di iscrizione del figlio convivente che, sulla base della documentazione allegata, non dovranno andare oltre il 30 giugno 2021. La domanda potrà essere presentata entro il 15 luglio 2021.

Inoltre, su espressa indicazione del Ministero del Lavoro, a differenza del bonus baby-sitting, il bonus per l’iscrizione ai centri estivi e ai servizi integrativi per l’infanzia viene erogato a prescindere dalla sussistenza dei casi di sospensione dell’attività scolastica o educativa in presenza, della durata dell’infezione da SARS-CoV-2 o dalla quarantena del figlio disposta dall’ASL. Ciò, non solo in ragione del dato letterale della norma, ma anche in considerazione della circostanza che, almeno gli ultimi due casi, risulterebbero incompatibili con la frequenza dei centri estivi e dei servizi integrativi dell’infanzia.

 


MINISTERO DEL LAVORO

Rafforzata la sicurezza per accedere al Portale Servizi Lavoro

Il Ministero del lavoro rendo noto sul suo portale che dal 7 luglio prossimo, cambiano le modalità di sicurezza per accedere al Portale Servizi Lavoro: nell'ambito delle operazioni svolte con il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) è previsto il passaggio al livello 2 di sicurezza, per rafforzare ulteriormente le tutele verso gli utenti. Il secondo livello, infatti, corrisponde a un'autenticazione ancora più sicura grazie all'impiego di due fattori: la password già in uso con lo SPID di primo livello e un pin dinamico generato ad ogni richiesta di accesso.

In pratica, da mercoledì prossimoil consueto accesso ai servizi attraversole credenziali (nome utente e una password)dello SPID di livello 1, sarà rafforzato dalla generazione di un codice temporaneo di accesso (one time password), fornito attraverso sms su cellulare o con l'uso di un'app (fornita dal proprio gestore di identità digitale) fruibile attraverso un dispositivo, come ad esempio smartphone o tablet. In questa ottica, sarà importante verificare con il proprio providerl'abilitazione al livello due di SPID, anche per quanto riguarda le modalità per ottenere il codice di accesso.

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE

Proroga al 30 settembre 2021 per la memorizzazione delle fatture elettroniche

Con provvedimento del 30 giugno 2021  l’Agenzia delle entrate  dispone una nuova proroga, fino a giovedì 30 settembre 2021, del periodo transitorio per la memorizzazione delle fatture elettroniche e della possibilità per gli operatori Iva, i loro intermediari delegati e i consumatori finali di aderire, entro lo stesso termine, al servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche e dei loro duplicati informatici, rispetto alla data già fissata con il provvedimento  del 28 febbraio scorso . Il rinvio è finalizzato a concludere l'interlocuzione con il Garante per la protezione dei dati personali, necessaria per definire le misure di garanzia a tutela dei diritti e delle libertà degli interessati. Ad annunciare la novità un comunicato stampa congiunto Entrate e Garante.

 

Tax compliance per chi non ha presentato la dichiarazione Iva

L'Agenzia delle entrate, con provvedimento del 30 giugno 2021, per promuovere l’adempimento spontaneo da parte dei contribuenti per i quali risulta la mancata presentazione della dichiarazione Iva per l’anno d’imposta 2020, o la presentazione della stessa senza il quadro VE, ha previsto di  trasmettere al domicilio digitale degli interessati una comunicazione contenente informazioni per una valutazione della correttezza dei dati in suo possesso e per consentire di fornire elementi in grado di giustificare la presunta anomalia. La comunicazione è resa disponibile anche all’interno del “Cassetto fiscale” nell’area riservata del portale informatico dell’Agenzia e nella sezione “Fatture e corrispettivi”.

 

Credito d'imposta alla mobilità sostenibile. Modalità attuative

Con il provvedimento del 28 giugno 2021, l'Agenzia delle entrate stabilisce che il credito d’imposta dell’incentivo eco-bonus, corrispondente all’importo del contributo rimborsato al venditore e recuperato dalle imprese costruttrici o importatrici di veicoli elettrici o ibridi, nuovi di fabbrica, può essere utilizzato esclusivamente in compensazione per il versamento dei tributi e contributi pagabili tramite modello F24, presentato tramite i servizi telematici dell’Agenzia, ad esempio, non esaustivo, imposte dirette, Irap, Iva, ritenute e trattenute, anche relative alle addizionali regionali e comunali all’Irpef, contributi Inps, premi Inail.

 

Perdite fiscali ed eccedenze Ace

Con la risoluzione n. 44 del 28 giugno 2021, l’Agenzia delle entrate fornisce chiarimenti interpretativi e operativi per la fruizione del nuovo regime di trasformazione delle attività per imposte anticipate (“DTA”) in credito d’imposta, riguardanti sia l’ambito soggettivo che oggettivo dell’agevolazione.

L’Agenzia precisa che tra i beneficiari della disciplina agevolativa rientrano tutte le società, a prescindere dal settore in cui operano

 

Contributo a fondo perduto alternativo

Con il provvedimento del 2 luglio 2021, dell’Agenzia delle entrate vengono definite le regole operative e la finestra temporale di presentazione delle istanze con le quali i contribuenti titolari di partita Iva che svolgono in Italia attività d’impresa, di lavoro autonomo e agraria con ricavi 2019 fino a 10 milioni di euro, possono richiedere l’erogazione del nuovo contributo a fondo perduto previsto dall’articolo 1, commi da 5 a 15, del Dl n. 73/2021, il “Sostegni-bis”.

Il contributo a fondo perduto “Sostegni-bis attività stagionali” è alternativo al contributo “Sostegni-bis automatico”, introdotto nei commi da 1 a 4 dell’articolo 1 del medesimo decreto e per il quale è prevista l’erogazione automatica da parte dell’Agenzia delle entrate. Gli operatori economici danneggiati dall’emergenza da Coronavirus avranno accesso ai fondi stanziati per il nuovo contributo a fondo perduto “Sostegni-bis attività stagionali” mediante la presentazione di un’istanza in modalità elettronica nel periodo compreso tra il 5 luglio e il 2 settembre 2021.

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE INTERPELLO

Risposta n. 450 del 30 giugno 2021- Rivalutazione gratuita soggetti operanti nei settori alberghiero e termale

Una società immobiliare e holding non può beneficiare della rivalutazione degli immobili locati ad aziende del suo gruppo che svolgono attività alberghiera, senza pagare alcuna imposta sostitutiva, perché non possiede i requisiti soggettivi per il riconoscimento del beneficio fiscale.

 

Risposta n. 451 del 1 luglio 2021- credito d'imposta "Industria 4.0

Il bonus "Industria 4.0" può essere compensato, tramite il modello F24, con i crediti erariali del contribuente anche in presenza di debiti con il Fisco di ammontare superiore a 1.500 euro, iscritti a ruolo per imposte erariali e relativi accessori, e per i quali è scaduto il termine di pagamento. Il limite lascia fuori gli incentivi di tipo agevolativo.

 

Risposta n. 453 del 1 luglio 2021-Superbonus - valutazione del miglioramento di due classi energetiche per intervento di efficientamento energetico

Appurato che l’intervento di riqualificazione energetica interessa almeno il 25% della superficie disperdente lorda dell’intero edificio costituito da tre distinti volumi, costituiti sia da unità immobiliari residenziali sia dagli uffici di un istituto di credito, il condominio, che intende effettuare i lavori agevolabili solo su di una parte di esso, potrà verificare il miglioramento di minimo due classi energetiche leggendo il “Vademecum Ape convenzionale” dell’Enea.

Il miglioramento delle prestazioni, in generale, deve essere dimostrato con l'Ape convenzionale, rilasciato da un tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata

 

Risposta n. 454 del 1 luglio 2021-aliquota iva agevolata -acquisto autovettura uso promiscuo

Il contribuente, lavoratore autonomo, portatore di handicap con ridotte o impedite capacità motorie permanenti e invalido con possibilità di deambulazione sensibilmente ridotta, che acquista l’auto, a uso promiscuo, ad aliquota Iva agevolata del 4%, può richiedere al concessionario l'emissione della fattura con indicazione della propria partita Iva, in quanto il veicolo sarà utilizzato anche per l’attività professionale con conseguente applicazione della detrazione prevista per i beni strumentali.

 

 

AGENZIA DELLE ENTRATE – CONSULENZA GIURIDICA

Consulenza giuridica n. 9 del 1 luglio 2021 -Modalità di assolvimento dell'imposta di bollo per il deposito telematico del lodo

Per il deposito telematico del lodo l’imposta di bollo può essere assolta tramite modalità virtuale o contrassegno telematico, secondo quanto stabilito dall’articolo 3 del Dpr n. 642/1972, ma non mediante modello di versamento F24, previsto esclusivamente per libri, registri e altri documenti rilevanti ai fini tributari.