Stampa questa pagina
Mercoledì, 23 Giugno 2021 14:10

In Gazzetta la legge di conversione del DL Riaperture

Sulla Gazzetta Ufficiale del 21 giugno 2021 n. 146 è stata pubblicata la legge 17 giugno 2021 n. 87, di conversione del decreto “Riaperture” (D.L. n. 52/2021) recante: «Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da Covid-19». Due le date ricorrenti: il 1° luglio per alcune riaperture come quelle previste, anche in zona gialla, per corsi di formazione pubblici e privati, i convegni, i congressi, gli eventi, le piscine e i centri termali; il 31 dicembre, data a cui sono posticipate tutta una serie di disposizioni, a partire dallo smart working semplificato per i datori di lavoro privati, applicabile anche in assenza degli accordi individuali.

Nel decreto, all’articolo 11-septies, è inoltre confluita la proroga – sempre al 31 dicembre 2021 – per le modalità semplificate di svolgimento degli esami di abilitazione per i Consulenti del Lavoro, oltre che gli esperti di radioprotezione e i medici autorizzati.

Slittano al 2022, poi, le sanzioni per le violazioni relative all’obbligo informativo delle sovvenzioni erogate dalle pubbliche amministrazioni alle imprese, agli enti del terzo settore e ad altri soggetti di cui all’articolo 1, comma 125, della legge n. 124/2017. Sei mesi in più per adempiere rispetto alla precedente scadenza del 30 giugno 2021, stabiliti dall'art. 11-sexiesdecies della legge n. 87/2021 che modifica l'articolo 125-ter della legge 124/2017.

Fino al 31 luglio, inoltre, permane in capo ai datori di lavoro pubblici e privati l’obbligo di garantire la sorveglianza sanitaria eccezionale dei lavoratori “fragili”, maggiormente esposti al rischio di contagio in ragione dell’età o della condizione di rischio. Lavoratori per cui l’assenza, dal 1° luglio, non sarà più equiparabile al ricovero ospedaliero.

Notizie correlate: Prepararsi all’Esame di Stato 2021: online il manuale - Smart working: meno infortuni in itinere ma più rischi per la salute - Sorveglianza sanitaria eccezionale: proroga al 31 luglio 2021