Martedì, 08 Giugno 2021 16:53

AE: addizionali escluse da sospensione versamenti

La sospensione dei termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte prevista dall’art. 61 del d.l. n. 18/2020, c.d. “decreto Cura-Italia”, convertito con modifiche dalla l. n. 27/2020, non si riferisce al versamento delle trattenute relative alle addizionali regionale e comunale, a differenza di quanto disposto dal successivo articolo 62 del medesimo d.l. n. 18. La precisazione arriva dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 40 del 1° giugno 2021 nella quale l’Amministrazione risponde ad alcune richieste di chiarimenti pervenute in merito. Anche se questo è quanto si evince dalla lettera della norma e dalle relazioni tecnica e illustrativa al decreto legge in esame, è altrettanto vero – sottolinea l’Agenzia - che il disallineamento tra la formulazione degli articoli 61 e 62 del d.l. n. 18 del 2020, unito al rapido susseguirsi degli interventi emergenziali in tema di sospensione dei versamenti tributari, insieme alla risonanza mediatica data alle “sospensioni dei versamenti” in senso atecnico e generico, potrebbero aver generato un legittimo fraintendimento in capo ad alcuni sostituti d’imposta. In tale evenienza – sottolinea l’Agenzia -, in applicazione di quanto disposto dall’articolo 10 della l. n. 212/2000, non saranno dovuti sanzioni ed interessi laddove i contribuenti, prendendo atto - solo a seguito della pubblicazione dei chiarimenti ivi contenuti - di avere assunto un comportamento non coerente con le norme, provvedano tempestivamente al versamento di quanto dovuto a titolo di addizionali regionali e comunali.

Notizie correlate: Smart working: così la deduzione dei rimborsi spese - Retribuzioni convenzionali escluse per lo smart working - Agenzia Entrate: gli indirizzi operativi per le attività 2021