///**/
Stampa questa pagina
Martedì, 27 Aprile 2021 13:00

Credito d’imposta R&S, i chiarimenti dell’AE

Con la risposta ad interpello n. 280 del 21 aprile 2021 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sull’applicazione del credito di imposta per le imprese che investono in attività di ricerca e sviluppo, come previsto dal decreto legge n. 145/2013, convertito con modificazioni dalla legge n. 9/2014 e successive modifiche ed integrazioni. In merito ai quesiti posti dalla società istante, l’Agenzia definisce innanzitutto cosa si intenda per prototipo di R&S: un modello originale creato appositamente per l'esecuzione del progetto e non disponibile, quindi, come prodotto di serie né come unità di pre-produzione destinata all'ottenimento di certificazioni tecniche o giuridiche, che possiede le qualità tecniche essenziali e le caratteristiche di funzionamento del prodotto finale da realizzare e che permette di effettuare le prove per apportare le modifiche necessarie e fissare le caratteristiche finali del prodotto. In ordine all'ammissibilità delle attività - si legge - si ritiene che possano considerarsi eleggibili al credito d'imposta, in quanto rispondenti ai requisiti di pertinenza e congruità, le spese del personale interno direttamente impiegato nelle attività di "sviluppo sperimentale" e delle spese per materiali e forniture impiegati nella realizzazione del prototipo. Possono rientrare nell’agevolazione in oggetto anche le spese sostenute per i consulenti esterni laddove gli stessi possano essere considerati risorse che contribuiscono direttamente alle attività ammissibili svolte internamente dalla società.

Notizie correlate: Al via il Piano di Transizione 4.0 - Detrazioni tracciabili e caotiche e nuovo credito d'imposta R&S - Agevolazioni R&S, al via le richieste