Stampa questa pagina
Venerdì, 26 Febbraio 2021 17:10

Obbligo vaccinazione: la diatriba continua

La polemica, nata attorno al presunto obbligo per i lavoratori di farsi somministrare il vaccino, trova ogni giorno nuovi argomenti. In questi ultimi giorni, infatti, l'Inail è stato chiamato ad esprimersi sulla risarcibilità del lavoratore affetto da Covid sul luogo di lavoro. L'interrogativo resta da mesi lo stesso: il rifiuto di vaccinarsi è considerato argomento sufficiente per giustificare il licenziamento? E per adottare altri provvedimenti? A rispondere a queste domanda, in un articolo del 24 febbraio su Corriere.it, è il Presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca che ribadisce che "si va avanti per interpretazioni e in modo non univoco" e come, in assenza di norme chiare che introducano un tale obbligo, “non è giustificabile alcun provvedimento perché sfocerebbe molto probabilmente in un contenzioso tra azienda e lavoratore”.

Notizie correlate: Vaccini ai dipendenti, le Faq del Garante Privacy - Vaccino Covid-19 sul posto di lavoro: serve una norma - Vaccino anti-Covid obbligatorio per impedire il contagio in azienda