Martedì, 24 Novembre 2020 14:10

Emersioni lavoro irregolare: istruzioni operative del Ministero Interno

Dal 25 novembre al 31 dicembre 2020 sarà possibile completare le procedure di emersione da parte dei datori che hanno versato il contributo forfetario di 500 euro, ma non hanno ancora inviato l’istanza.

Il Ministero dell’Interno, con la nota Protocollo n. 4623 del 17/11/2020, fornisce le istruzioni operative in merito all’emersione del lavoro irregolare definita dal DL n.34/20 (conv. in legge n.77/20). Nel documento troviamo alcuni chiarimenti in merito alla documentazione idonea alla prova della presenza in Italia all’8.3.20 (non sono ammesse dichiarazioni testimoniali), al requisito reddituale del datore di lavoro (anche con il concorso del reddito di coniuge e parenti entro il 2° grado anche non conviventi), alla garanzia alloggiativa (anche prodotta in un momento successivo), alla delega alla sottoscrizione del contratto di soggiorno (applicazione DPR n.445/00 – per un refuso l’anno del DPR è stato riportato come 2020), dell’interruzione o mancata instaurazione del rapporto di lavoro in attesa dell’esito (rilascio PDS in attesa di occupazione) e della riapertura dei termini per errori di invio dell’istanza e versamento del forfetario (possibile completamento della procedura dal 25 novembre).