Martedì, 10 Novembre 2020 13:05

Whistleblowing, ulteriori precisazioni Inps

Con la circolare n.127 del 06/11/2020 l’Inps interviene con chiarimenti integrativi rispetto alla circolare n. 54/2018 in materia di whistleblowing: l’attività di segnalazione illeciti da parte del dipendente pubblico, regolamentata dall’articolo 54-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che prevede un sistema di garanzie a carico del lavoratore in questione. Le nuove indicazioni nascono dalla necessità, evidenziata dall'ANAC, di fornire chiarimenti inerenti all’oggetto della segnalazione e alla distinzione fra segnalazione anonima e riservatezza dell’identità del segnalante, nonché di aggiornare le disposizioni concernenti sia la ricezione della segnalazione che la procedura e la gestione della segnalazione. Nel nuovo documento dell’Istituto ci si sofferma innanzitutto sull’oggetto della segnalazione, le condotte illecite, ampliando il campo a tutte le situazioni in cui si riscontrino comportamenti impropri di un funzionario pubblico che concorra all’adozione di una decisione che devia dalla cura imparziale dell’interesse pubblico. Di conseguenza, rientrano in questa fattispecie anche i casi in cui si configurano condotte, situazioni, condizioni organizzative o individuali che potrebbero costituire un ambiente favorevole alla commissione di fatti corruttivi in senso proprio. Per denunciare queste situazioni, sottolinea l'Istituto, diventa indispensabile assicurare la riservatezza dell'identità del segnalante. La norma, infatti, assicura la tutela del dipendente, mantenendo riservata la sua identità, solo nel caso di segnalazioni provenienti da dipendenti pubblici individuabili e riconoscibili. La circolare si sofferma, poi, sulle modalità di trasmissione delle segnalazioni di illecito e sulla gestione delle stesse a cura del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT). Per segnalare la condotta illecita al RPCT è necessario seguire l’apposita procedura informatica accedendo al sito dell’Istituto, tramite la home page della Direzione centrale Antifrode, anticorruzione e trasparenza, selezionando, all’interno del menu “Anticorruzione/Trasparenza”, la voce “Segnalazione illeciti/Whistleblower”. L’RPCT svolgerà, precisa l'Inps, una prima istruttoria sui fatti segnalati, avvalendosi di un minimo numero indispensabile di dipendenti, comunque nominativamente individuati. Nel caso si ravvisino elementi di non manifesta infondatezza del fatto, l’RPCT potrà inoltrare la segnalazione a soggetti terzi, per approfondimenti istruttori o per l’adozione dei provvedimenti di competenza.

Notizie correlate: Whistleblowing: raddoppiate le segnalazioni nel 2018 - "A proposito di..." whistleblowing