Venerdì, 21 Febbraio 2020 09:07

Giustificato motivo oggettivo: novità in Cassazione

Con la sentenza n. 34122 del 2019, la Cassazione torna sul tema del giustificato motivo oggettivo dichiarando non discriminatorio il licenziamento di un lavoratore sulla base di indicazioni razionali e oggettive fornite da un suo diretto superiore, anche se diverse rispetto ai criteri di scelta previsti dall’art. 5 della l. n. 223/1991. Esaminando la decisione della Corte nel nuovo video “L’esperto risponde” in web tv, l’esperto della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Simone Cagliano, ripercorre le norme che regolano la fattispecie e spiega nel dettaglio in che modo la Corte ha ampliato la portata applicativa della norma.

Guarda il video

Notizie correlate: Solidarietà negli appalti: novità dalla Cassazione - Infortunio: sanzioni penali e responsabilità amministrativa