Lunedì, 07 Settembre 2020 14:58

Bonus professionisti: le differenze tra regimi contabili

L'Agenzia delle Entrate è intervenuta in riferimento alle indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza COVID-19, previste dall’articolo 84 comma 2 del decreto legge n. 34/2020, cosiddetto “Rilancio”, convertito dalla legge n. 77/2020, fornendo indicazioni con la circolare n. 25/E del 20 agosto scorso (al paragrafo n. 2.1.1), in particolare in merito al caso dei soggetti in regime forfetario. Secondo l’interpretazione letterale fornita dall’Agenzia, la misurazione dello scostamento del reddito e l’attribuzione della nuova indennità di 1.000 euro per il mese di maggio 2020 prescindono dal regime contabile adottato dal professionista. L’approfondimento del 7 settembre 2020 della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro evidenzia come la risposta fornita dall’Amministrazione finanziaria non appaia del tutto condivisibile, poiché non considera in modo sistematico la relazione tra la citata disposizione e la disciplina speciale del regime forfetario di cui alla legge n. 190/2014. Il documento, infatti, muove proprio dalle modalità di determinazione del reddito ai fini della comparazione del secondo bimestre 2020 sul secondo bimestre 2019 e dai dubbi sorti in merito ai regimi contabili adottati dal professionista, ordinario o forfetario, diversamente disciplinati nel nostro ordinamento.

Leggi l’approfondimento

Notizie correlate: AdE: circolare "multiquesito" sul Decreto Rilancio - Calderone: il bonus ai professionisti non basta - Il decreto “Rilancio” è in Gazzetta Ufficiale

0
0
0
s2smodern