Lunedì, 30 Maggio 2016 12:07

Protezione dell'attività professionale a 360°

La Consulenza del Lavoro è un'attività riservata agli iscritti all'albo professionale e chi esercita abusivamente la professione è colpevole di reato. La tutela della specificità dell'attività professionale è stata, infatti, ribadita più volte dalla giurisprudenza, che con le ultime sentenze emesse colpisce qualsiasi ipotesi di abusivismo professionale nelle diverse fattispecie attraverso le quali si può configurare questo reato. Nel parere n.6/2016 della Fondazione Studi è contenuto un excusurs delle ultime pronunce giurisprudenziali così come alcuni esempi in cui si punisce l'abusivismo professionale. Un esempio punibile è rappresentato dal caso in cui il praticante Consulente del Lavoro, regolarmente iscritto all'albo, non si limiti a svolgere compiti di natura meramente esecutiva che caratterizzano il praticantato, ma svolge in pieno l'attività di consulenza del lavoro.

Guarda il commento alla sentenza

Leggi il parere della Fondazione Studi

Notizie correlate: Biella, tribunale condanna esercizio abusivo della professione - Condannato per esercizio abusivo della professione - La consulenza del lavoro ai Consulenti del Lavoro