Giovedì, 28 Aprile 2016 07:40

Reato accedere all'email del dipendente protetta da password

La Corte di Cassazione ha stabilito che la presenza della password nella casella di posta del lavoratore rivela la chiara volontà dell’utente di farne uno spazio a sé riservato. Di conseguenza, l’accesso abusivo di soggetti terzi alla casella e-mail protetta da password personalizzata, anche se aziendale, costituisce reato (di cui all’art. 615-ter del codice penale). 

I giudici della Suprema Corte hanno, così, confermato la condanna a sei mesi per un dipendente pubblico che aveva effettuato ripetuti accessi nella casella di posta elettronica di un collega per visionare e scaricare alcuni documenti. - Leggi tutto

Rassegna stampa: Libero Lavoro del 29/04/2016

Rassegna web: padovanews.it - iltempo.it - adnkronos.com - affaritaliani.it - liberoquotidiano.it - italreport.it - ipsoa.it

-->