Giovedì, 06 Luglio 2017 16:27

Cosa cambia con i nuovi "voucher"

La disciplina del nuovo contratto di prestazione occasionale interviene per colmare un vuoto lasciato dalla repentina abrogazione dei c.d. voucher. La novella normativa, con limiti e regole molto più stringenti, consentirà ai datori di lavoro, sia famiglie e aziende, di utilizzare prestatori di lavoro per soddisfare tutte quelle esigenze occasionali mediante il "Contratto di Prestazione Occasionale". Per attivare le prestazioni i datori di lavoro potranno, a differenza di quanto accadeva in precedenza, rivolgersi ai Consulenti del Lavoro quali intermediari abilitati ai sensi della norma vigente.

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, con la circolare n.7/2017, si sofferma ad analizzare la disciplina del Contratto di Prestazione Occasionale, alla luce delle istruzioni fornite dall'Inps nella circolare n.107/2017 e dall'Agenzia delle Entrate nella risoluzione n.81/E. Nei prossimi giorni seguirà altro approfondimento sulle disposizioni per il lavoro accessorio in ambito domestico regolate attrvaerso il "Libretto di Famiglia".


Leggi la circolare n.7/2017 della Fondazione Studi

Notizie correlate: Presto il nuovo voucher lavoro - Foggia la crisi dei voucher ferma la manodopera - Addio vecchio voucher

Rassegna stampa: Il Sole 24 Ore del 07.07 - Il Sole 24 Ore del 10.07

Rassegna web: adnkronos.com - affaritaliani.it - arezzoweb.it - ildubbio.news - ilpersonale.it - ipsoa.it - corrierenazionale.it - adnkronos.com - ilpersonale.it - mysolution.it - dottrinalavoro.it - ilsole24ore.com

-->