Venerdì, 30 Dicembre 2016 12:46

Rottamazione cartelle: annullate le sanzioni tributarie agli intermediari

Con la pubblicazione della Legge n.225 del 01/12/2016, di conversione del Decreto n.193/2016, il Legislatore ha dato il via alla rottamazione dei ruoli, fornendo maggiori chiarimenti ai professionisti che in questi anni si sono visti irrogare sanzioni per tardiva od omessa trasmissione delle dichiarazioni nella loro funzione di intermediari abilitati. In particolare è stato precisato che le sanzioni rottamabili sono quelle derivanti da violazioni tributarie.

La Fondazione Studi, con l'approfondimento del 30 dicembre 2016, ha ricostruito la normativa sul sistema sanzionatorio, evidenziando che già dall'anno 2007 le sanzioni irrogate ai professionisti per tardiva od omessa presentazione delle dichiarazioni dei redditi, nella loro qualità di intermediari, possono essere oggetto di rottamazione dei ruoli. Questo significa che le cartelle esattoriali per le sanzioni sopra descritte, ma anche per sanzioni amministrative inerenti l’infedele apposizione del visto di conformità e delle asseverazioni tributarie, possono essere rottamate con il solo pagamento degli aggi esattoriali e delle spese di notifica.

Una disposizione legislativa non di poco conto, che consentirà di chiudere numerosi contenziosi in essere dato che la domanda di rottamazione comporta l’implicito impegno a rinunciare ai giudizi pendenti riguardanti i carichi oggetto della richiesta.

Leggi l'approfondimento della Fondazione Studi

Pagina speciale 13° Forum Lavoro

Notizie correlate: Decreto fiscale, l'analisi completa della Fondazione Studi - Rotamazione cartelle, sciolti i primi dubbi - La definizione agevolata dei ruoli esattoriali - Equitalia predispone modello per istanza rottamazione cartelle

Rassegna stampa: Il Mattino del 02.01.2017Italia Oggi del 31.12.2016

Rassegna web: adnkronos.com - giornalepartiteiva.it - ildubbio.news - ilmeteo.it - padovanews.it - siciliainformazioni.com

-->