Mercoledì, 08 Aprile 2020 10:53

Unità produttiva parametro per i trattamenti di integrazione salariale

Il riconoscimento dei requisiti necessari per l’accesso agli strumenti di integrazione salariale, nell’ambito del più ampio panorama dei c.d. “ammortizzatori sociali”, è riferito dal legislatore all’azienda e non al singolo lavoratore, seppure beneficiario ultimo della misura. È, dunque, necessario chiarire quali siano i parametri stabiliti dalla legge perché il datore di lavoro possa avere diritto all’accesso ai trattamenti di integrazione salariale. Concetto cardine di questa parametrazione è quello di unità produttiva, che la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro analizza nel dettaglio, in relazione alla normativa vigente, nell'approfondimento pubblicato oggi. Il quadro, infatti, a tal specifico riguardo, non appare mutato alla luce delle nuove norme in materia di trattamenti di cassa integrazione emergenziale, introdotte dal decreto legge "Cura Italia" agli articoli da 19 a 22.

Leggi l’approfondimento

Rassegna web: ansa.it - corrieredellumbria.corr.it - corrierediarezzo.corr.it - corrieredisiena.corr.it - corrierediviterbo.corr.it - ildubbio.news - ilsannioquotidiano.it - iltempo.it - ipsoa.it - liberoquotidiano.it - sassarinotizie.com - today.it - zazoom.it - eutekne.info - fidest.wordpress.com

Notizie correlate: CIG, perché l’accordo con i sindacati non è obbligatorio - Perché la Cig non sarà pagata entro il 15 aprile - D.L. n-18/2020 “Cura Italia”: analisi e criticità

 

0
0
0
s2smodern