Venerdì, 29 Aprile 2016 09:06

Occupazione. al via la nuova Garanzia Giovani

A cura di Romano Benini

La nuova fase di Garanzia Giovani parte dal 1° marzo con alcune novità che provano a migliorare il sistema degli incentivi e degli strumenti a disposizione dei NEET, i ragazzi con meno di 29 anni di età che non studiano o lavorano a cui è rivolto il programma europeo sostenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, promosso insieme alle regioni. Due sono le novità più importanti: il super bonus per chi assume un tirocinante e l’intervento di sostegno all’autoimpiego. Per promuovere l’inserimento occupazionale dei giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni  non occupati né inseriti in un percorso di studio o formazione il Ministero ha deciso di prevedere il riconoscimento di un bonus ai datori di lavoro che assumono i giovani registrati e presi in carico e che hanno svolto o avviato un tirocinio entro il 29 febbraio scorso. L’obiettivo è quello di favorire  l’assunzione del giovane che sia stato formato e valutato attraverso la sua esperienza di tirocinio. L’intervento prevede che in favore di un qualsiasi datore di lavoro che assume - con un contratto di lavoro a tempo indeterminato - un giovane che abbia svolto, ovvero stia svolgendo, un tirocinio extracurriculare finanziato nell’ambito di Garanzia Giovani, sia riconosciuto un super bonus occupazionale. Il bonus in questione è nella forma di un incentivo il cui valore varia a seconda della classe di profilazione attribuita al giovane: va da un minimo 3.000,00  ad un massimo di ben 12.000,00.

L’altra novità è il sistema di sostegno ai giovani che intendano essere formati e sostenuti  per avviare una attività di lavoro autonomo. Questa forma di sostegno all’autoimpiego necessita di una fase precedente di formazione ed affiancamento al progetto di impresa, che si definisce in uno specifico intervento. Lo scopo di questo intervento è quello di offrire servizi integrati e mirati e promuovere la realizzazione di progetti per il sostegno e lo sviluppo di specifiche idee imprenditoriali (da individuarsi già alla presentazione della domanda) ovvero progetti che favoriscano l’individuazione e la crescita di prospettive occupazionali legate all’autoimprenditorialità e/o autoimpiego.

Si tratta di una misura propedeutica all’intervento finanziario previsto per la creazione di impresa o l’avvio di attività autonoma, il cosiddetto Selfiemployment. I giovani NEET registrati e presi in carico che, anche attraverso gli interventi di orientamento specialistico, abbiano dimostrato di possedere particolari caratteristiche personali, vengono quindi chiamati a partecipare a questo tipo di iniziative per l’autoimpiego. I soggetti destinatari, pertanto, sono quelli che intendono intraprendere iniziative di lavoro autonomo o attività di impresa o microimpresa o franchising, ivi comprese le associazioni e società di professionisti. Ai giovani già indirizzati verso prospettive imprenditoriali sono offerti dai soggetti accreditati a Garanzia Giovani a partire dal 1 marzo percorsi mirati di formazione di affiancamento consulenziale, eventualmente anche nella fase dello start-up, fino alla presentazione del progetto sul bando Selfiemployment che viene seguito e finanziato da Invitalia.

0
0
1
s2smodern