Lunedì, 30 Ottobre 2017 16:08

Lavoratori in mobilità assunti con apprendistato, proseguono le agevolazioni

È ancora possibile assumere con il contratto di apprendistato professionalizzante un lavoratore in mobilità senza limiti di età usufruendo del particolare regime contributivo.

La legge n. 92/12 ha abrogato le nuove iscrizioni alle liste di mobilità, ma questo non determina il venir meno del regime agevolato previsto per le assunzioni in contratto di apprendistato professionalizzante di lavoratori che ancora beneficiano dell’indennità di mobilità.

È possibile utilizzare la sola tipologia dell’apprendistato professionalizzante (non tutte le 3 forme di apprendistato in vigore) e vige la deroga ai limiti di età previsti dalle norme sull’apprendistato.

Nel periodo agevolato (primi 18 mesi), l’aliquota complessiva da versare, per i datori che assumano in apprendistato professionalizzante percettori di indennità di mobilità, è pari al 15,84%.

Dal 19° mese, la contribuzione datoriale è dovuta in misura piena, mentre quella a carico dell’apprendista resta al 5,84% solo per il periodo di residua durata del contratto di apprendistato.

Al termine dell’apprendistato, alla prosecuzione del rapporto di lavoro, l’aliquota contributiva a carico del lavoratore è dovuta in misura piena.   

Un regime agevolato è previsto anche per i beneficiari di trattamento di disoccupazione. I lavoratori interessati sono solo quelli beneficiari di NASpI, Aspi e MiniASpi, indennità speciale di disoccupazione edile e DIS-COLL. L’assunzione agevolata si riferisce anche ai soggetti che, avendo inoltrato istanza per il riconoscimento del trattamento medesimo, abbiano titolo alla prestazione ancorché non l’abbiano ancora percepita.

Nel periodo di durata del regime agevolato (massimo 36 mesi, elevabili a 60 nel settore dell’artigianato edile e non), l’aliquota complessiva da versare, per i datori con più di 9 dipendenti, è pari al 17,45%. Per i datori che occupano meno di 9, invece, l’aliquota complessiva è pari al 8,95% per i primi 12 mesi, 10,45% per i mesi dal 13° al 24° e 17,45% dal 25° al 36° mese (60° per artigianato edile e non).

Diversamente da quanto previsto per le assunzioni in apprendistato professionalizzante di percettori di indennità di mobilità, non è previsto alcun incentivo di tipo economico in favore dei datori di lavoro che assumano in apprendistato professionalizzante soggetti percettori di indennità di disoccupazione. Tutte le informazioni sono reperibili presso i Consulenti del Lavoro.