Lunedì, 02 Luglio 2018 11:06

Dichiarazioni Iva 2018, come mettersi in regola

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento prot. n. 129515/2018 pubblicato il 27 giugno 2018, fa sapere che sono in arrivo le comunicazioni per segnalare al contribuente la mancata o incompleta presentazione della dichiarazione Iva 2018 entro la scadenza del 30 aprile o l’hanno presentata compilando solo il quadro “Va” con le informazioni e i dati relativi all’attività. I contribuenti di queste comunicazioni potranno così controllare la propria posizione e, se necessario, mettersi in regola con il ravvedimento operoso.

Il contribuente, anche mediante gli intermediari incaricati della trasmissione delle dicharazioni, può richiedere informazioni o segnalare elementi, fatti o circostanze che possano giustificare l’anomalia o, infine, sanare l’irregolarità tramite ravvedimento operoso. L’alert dell’Agenzia – come si legge nel comunicato stampa - è disponibile sia nella casella di posta elettronica certificata (Pec), sia all’interno del Cassetto fiscale, sia nell’interfaccia web Fatture e corrispettivi.

I contribuenti che non hanno presentato la dichiarazione IVA relativa al periodo di imposta 2017 possono regolarizzare la propria posizione contributiva entro 90 giorni decorrenti dal 30 aprile 2018, con il versamento delle sanzioni ridotte. Coloro che, invece, hanno presentato la dichiarazione Iva relativa al periodo di imposta 2017 con la compilazione del solo quadro VA possono regolarizzare gli errori e le omissioni, anche qui, con un regime sanzionatorio ridotto.

Notizie correlate: Niente sanzioni per il credito d'imposta RS - Agenzia Entrate accesso tramite spid a tutti i servizi online - Dichiarazione redditi 2017 da quest'anno la ripartizione imposte 2016

0
0
0
s2smodern