Giovedì, 30 Novembre 2017 11:36

Equo compenso: le associazioni giovani dissentono dall'Antitrust

Profondo dissenso è stato espresso dalle Associazioni di Giovani Professionisti italiani ( consulenti del lavoro, ingegneri, architetti, geometri, avvocati, medici, notai e periti industriali) nei confronti di quanto espresso ieri dall'Antitrust relativamente al tema dell'equo compenso. Siamo in totale disaccordo - si legge nel comunicato stampa congiunto del 29 novembre 2017  - con la frase dell'Antitrust "sarebbero i newcomer" (n.d.r: gli ultimi arrivati) "ad essere pregiudicati dalla reintroduzione di tariffe minime” perché “vedrebbero drasticamente compromesse le opportunità di farsi conoscere sul mercato e di competere con i colleghi affermati”.

L'opportunità per i giovani di affacciarsi sul mercato - si evidenzia -  presuppone che un mercato esista, che sia trasparente e meritocratico, che elegga a principale strumento concorrenziale la qualità della prestazione e non il suo prezzo, l'investimento a lungo termine e la creazione di valore aggiunto e non il miope risparmio finanziario immediato.

Rassegna web: adnkronos.com - siciliainformazioni.com - ildenaro.it - lavoripubblici.it - corrierenazionale.it

0
0
1
s2smodern