Mercoledì, 08 Novembre 2017 15:05

Nessun obbligo di repêchage per i licenziamenti collettivi

In caso di licenziamenti collettivi il datore il lavoro non ha alcun obbligo legale di riassumere un lavoratore, anche se si è impegnato a ricollocarlo in sede di accordo sindacale. In questo caso, infatti, l'impegno assunto ha una «natura meramente contrattuale» e non comporta una violazione della procedura. Questo è quanto emerge dalla sentenza n.131/2017 della Corte di Appello di Milano, anticipata nell’articolo a pagina 28 de Il Sole 24 Ore di oggi, chiamata a decidere sulla legittimità di un licenziamento collettivo avviato da un'impresa edile, che aveva coinvolto anche un lavoratore reintegrato. Quest'ultimo aveva impugnato il licenziamento giudicandolo di natura ritorsiva e illegittimo per violazione dell'obbligo di repêchage.

Nell’articolo del quotidiano di Confindustria, disponibile nel servizio quotidiano di rassegna stampa nazionale per tutti i Consulenti del Lavoro iscritti al portale della Fondazione UniversoLavoro, i motivi che hanno portato il Tribunale e la Corte di Appello di milano a respingere il corso del lavoratore.

Notizie correlate: Licenziamenti repechage per assunzioni a termine - Ticket licenziamenti raddoppiato dal 2018 - Licenziamento collettivo non legittima espulsione lavoratrice madre

 

0
0
0
s2smodern