Lunedì, 26 Giugno 2017 12:44

Tutti i vincoli sui crediti Iva

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 23 giugno 2017 del dl 50/2017 entrano in vigore le nuove regole sulle compensazioni fiscali.

Il provvedimento, si ricorda, ha esteso ai professionisti l'obbligo del visto di conformità per le compensazioni oltre 5 mila euro, inclusi i crediti Iva trimestrali, e l'obbligo di utilizzare i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate anche per l'invio delle compensazioni orizzontali dei crediti di qualsiasi importo relativi a Iva, imposte sui redditi e relative imposte addizionali e sostitutive, Irap e ritenute alla fonte, nonché dei crediti d' imposta c.d. speciali da indicare nel quadro RU della dichiarazione dei redditi.

Per i non titolari di partita Iva, invece, l'obbligo di utilizzo dei servizi telematici del Fisco riguarda solo la trasmissione delle deleghe "a saldo zero", mentre per le compensazioni con saldo positivo possono anche avvalersi dei servizi telematici degli intermediari della riscossione (banche e Poste).

Tra le novità positive l'anticipo del termine dal quale è possibile compensare i crediti Iva oltre i 5 mila euro ovvero il decimo giorno successivo alla presentazione della dichiarazione annuale o dell'istanza con il modello TR.

Le principali novità della manovra correttiva, compresi i vincoli sui crediti Iva trimestrali, vengono analizzate nell'articolo a pag. 4 di Italia Oggi Sette, disponibile nel servizio quotidiano di rassegna stampa nazionale per i Consulenti del Lavoro iscritti al sito di Fondazione UniversoLavoro.