Martedì, 16 Maggio 2017 08:11

De Luca: "Con il Jobs Act autonomi normativa più equilibrata"

Con l'approvazione in via definitiva del Jobs Act autonomi si riequilibra la normativa sul lavoro autonomo, che finora non era così articolata e garantista come quella sul lavoro subordinato. Questo, in sintesi, il pensiero espresso qualche giorno fa dal Presidente della Fondazione Studi, Rosario De Luca, in un'intervista telefonica a Reteconomy.

Lo Statuto, secondo De Luca, rappresenta una sorta di legge quadro che delinea diritti e doveri di professionisti e partite Iva ed individua il valore sociale degli Ordini, prevedendo l'ipotesi di introdurre strumenti normativi che permettano di semplificare le attività delle amministrazioni pubbliche individuando le azioni da affidare alle professioni in relazione al loro carattere di terzietà.

Sebbene si valutino con favore alcune novità come, ad esempio, l'obbligo per i committenti di saldare le fatture entro 60 giorni, il provvedimento manca della previsione di un equo compenso per i professionisti ovvero - come sottolinea De Luca - "di riferimenti tariffari che devono ritrovare posto nel sistema giuridico" per ridare valore alle prestazioni professionali e tutele ai cittadini che le richiedono.

Al termine dell'intervista il Presidente interviene anche sulle nuove garanzie per le professioniste in maternità e sul lavoro agile, rivendicando l'importanza di questa regolamentazione, che per la prima volta si occupa dei diritti dei lavoratori autonomi.

DDL 2233 Jobs Act autonomi

Notizie correlate: Lavoro autonomo, manca l'equo compenso - Sacconi, il governo si impegna a tutelare l'equo compenso dei professionisti

 

More in this category: « Liberalizzazioni all'italiana