Mercoledì, 29 Marzo 2017 14:43

Delocalizzazione call center: online il modello telematico

Dal 28 marzo 2017 sono disponibili sul sito del Ministero del Lavoro e dell'Ispettorato nazionale del Lavoro i modelli da presentare in via telematica se si decide di delocalizzare l'attività di call center in un Paese extra europeo, anche affidandola a soggetti terzi. Non sono più valide, quindi, le comunicazioni inoltrate all'indirizzo mail deloc_callcenter@lavoro.gov.it.

Come reso noto dalla Legge di Bilancio 2017, la comunicazione deve essere inviata al Ministero del Lavoro, all' Ispettorato, al Ministero dello Sviluppo Economico e al Garante per la protezione dei dati personali almeno 30 giorni prima del trasferimento e secondo le indicazioni diffuse nella nota ministeriale dell'1 marzo 2017.

Il Ministero, in una nota, ricorda che, per accedere alla compilazione del modello, si dovranno utilizzare le credenziali di accesso al sito www.cliclavoro.gov.it, associate all'azienda che delocalizza. Chi non è in possesso delle credenziali dovrà necessariamente registrarsi al portale.

L'Ispettorato nazionale del lavoro, invece, ribadisce che in caso di omessa o tardiva comunicazione la sanzione amministrativa pecuniaria prevista è pari a 150.000 euro per ciascuna omessione o invio tardivo.

Guida alla compilazione del modello per la comunicazione preventiva di delocalizzazione


Notizie correlate: Call center, disponibile il format digitale per localizzazioni - Nuove regole per i call center

0
0
1
s2smodern