Mercoledì, 04 Gennaio 2017 15:33

L'interpretazione autentica del concetto di trasfertista

Il decreto legge n.193/2016 fornisce un'interpretazione autentica rispetto al concetto di trasfertista abituale ovvero quel soggetto che, non avendo l'indicazione della sede fissa di lavoro nella lettera di assunzione, riceveva un'indennità di trasfertista (non fissa) dovuta alla sua condizione di mobilità e faceva soggiacere quelle maggiorazioni alle regole previste dal comma 6 dell'art 51, che prevedeva un'imposizione fiscale e previdenziale nella misura del 50%. 

Queste regole sono state fortemente contrastate dalla magistratura, da ultimo anche con la sentenza n.3066/2016 della Corte di Cassazione, che non riteneva sostanziale l'indicazione dell'indennità, in misura fissa o variabile, a differenza invece dell'esistenza di un luogo di lavoro. Ora, con il nuovo decreto legge si introducono tre importanti requisiti che dovranno essere presenti contestualmente per definire il lavoratore trasfertista abituale e per far soggiacere quelle maggiorazioni all'imposizione fiscale e contributiva pari al 50%.Luca Caratti, esperto della Fondazione Studi, riepiloga in web tv quali sono le condizioni necessarie per la definizione del trasfertista e quali criticità si presentino in assenza di uno dei tre requisiti. L'argomento è stato analizzato anche nell'approfondimento della Fondazione del 12 dicembre 2016.

Guarda il video

Notizie correlate

Decreto fiscale, l'analisi completa della Fondazione Studi

Il decreto legge fiscale cambia l'indennità di trasfertista

0
0
0
s2smodern