Venerdì, 30 Dicembre 2016 13:03

Dimissioni online: ribadita la centralità dei Consulenti

La dicitura “consulenti del lavoro”, tra i soggetti abilitati nel trasmettere le dimissioni online dei dipendenti, non è da ritenersi estensiva, tale da ricomprendere tutti i professionisti e le associazioni abilitate ad effettuare gli adempimenti di cui all’art. 1 della legge. n. 12/1979.

Dunque, non si ritiene di potere estendere, in via di interpretazione, ad altri professionisti o ad altri soggetti indicati dall’art. 1 della L. n. 12/1979 la competenza a trasmettere telematicamente i moduli relativi alle dimissioni del lavoratore o alla risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

A ribadirlo è il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell’interpello n. 24/2016, rispondendo a delle richieste di chiarimento della Confimi Industria sulla corretta interpretazione del disposto di cui all’art. 26, comma 4 del D.lgs n. 151/2015, così come modificato dall’art. 5 comma 3 lett.b) d.lgs n.185/2016, con riferimento alla disciplina delle dimissioni volontarie e delle risoluzioni consensuali dei rapporti di lavoro subordinato da effettuarsi con modalità telematica. A tal proposito, il Ministero ha nuovamente elencato tutti i soggetti accreditati a tale adempimento, tra cui i Consulenti. Ricordiamo che è stata l'Ancl ad avanzare diverse proposte di modifica al legislatore volte all' accreditamento della Categoria per la trasmissione telematica delle dimissioni.

Notizie correlate: Dimissioni online anche dai Consulenti del Lavoro - Dimissioni dai Consulenti del Lavoro - Dimissioni telematiche, una guida per i Consulenti del Lavoro - Dimissioni online, aggiornata la guida con le novità del correttivo al Jobs Act

Rassegna stampa: Italia Oggi del 31.12.2016Il Sole 24Ore del 31.12.2016

0
0
0
s2smodern