Martedì, 01 Novembre 2016 07:41

Le nuove tecnologie guidano la crescita

La figura del Consulente del Lavoro sta assumendo sempre più importanza nel rilancio delle imprese utilizzando le nuove tecnologie per rendere più efficienti i servizi per le imprese e l'attività di studio e avere più tempo per concentrarsi sulla formazione e lo sviluppo di nuove competenze. Tutto questo facendo leva sulla comunicazione per distinguersi dai competitors, sull'e-learning per la formazione al personale e ai clienti, e adottando portali di gestione elettronica dei documenti e di condivisione dei dati con i fornitori. Sono questi i vantaggi dell'informatizzazione dello studio professionale per i Consulenti del lavoro a parere di Claudio Rorato, direttore dell'Osservatorio professionisti e innovazione digitale del Politecnico di Milano, intervistato per "Il Consulente del Lavoro"

Il Consulente del lavoro, infatti, presidia, a fianco dell' imprenditore, le attività di carattere fiscale, contrattuale, giuslavoristico e di amministrazione del personale, ma supporta il datore anche nella gestione efficace delle risorse umane. «È un ruolo estremamente importante e delicato», spiega Rorato, «soprattutto in questa fase di crisi che la nostra società sta attraversando, poiché implica anche l' interlocuzione e il dialogo in chiave digitale con la Pa, le banche, le software house e i cittadini.

0
0
0
s2smodern