Giovedì, 18 Febbraio 2016 15:59

Calderone: strumenti di welfare più flessibili per pari opportunità di lavoro

L'accesso al mondo delle professioni giuridico-economiche è contraddistinto da una forte componente femminile. Ma se si analizza il differenziale retributivo di genere, ci si rende conto di quanto siano penalizzate le donne professioniste rispetto ai loro colleghi di sesso maschile, a causa della difficile conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Una differenziazione che si riflette sulle politiche future e che riduce il volume d'affari complessivo del mondo delle professioni. Su questo tema si è espressa la Presidente Calderone, partecipando con un contributo video al convegno di Padova del 18 febbraio. Le pari opportunità, secondo la Presidente, devono essere declinate in pari condizioni di lavoro, mettendo in campo "strumenti di welfare flessibili che offrano alle professioniste sostegni aggiuntivi al congedo di maternità obbligatorio". La riforma del lavoro potrà dirsi conclusa, ha ribadito, con un piano normativo efficace anche sul fronte del lavoro autonomo, che possa favorire le esigenze dei professionisti iscritti agli ordini professionali. 

Guarda il video

0
0
0
s2smodern