Mercoledì, 25 Novembre 2015 08:27

Assemblea dei Consigli Provinciali - 27 e 28 novembre 2015

Calderone: "Nei giovani il nostro futuro"
La Presidente chiude l'Assemblea dei Consigli Provinciali


La Presidente Calderone ha chiuso l'Assemblea dei Consigli Provinciali riassumendo i temi chiave della due giorni di lavori: fare rete, condividere le strategie per il futuro ed essere più competitivi, soprattutto nei confronti dei soggetti non professionalizzati. 
"Abbiamo costruito un percorso in questi 50 anni di storia ordinistica - ha dichiarato la Presidente - che ci ha permesso di cambiare volto ed acquisire numerose competenze aggiuntive, che possiamo trasmettere a chi verrà dopo di noi. Dobbiamo incoraggiare i giovani a poter vivere di questa professione, sfruttando gli strumenti che abbiamo messo a loro disposizione, come la certificazione dei contratti, la conciliazione, l'Asse.Co". La Presidente ha inoltre ricordato il ventaglio di opportunità offerto dalla categoria: i servizi erogati dall'Enpacl a sostegno degli iscritti, le nuove attività di Fondazione UniversoLavoro e il microcredito, che può agevolare l'accesso al credito di soggetti svantaggiati. L'utilizzo di questi strumenti deve essere incrementato, secondo la Presidente, per permettere ai giovani professionisti di inserirsi all'interno del circuito professionale.
"Le competenze - ha proseguito - vanno messe a sistema e la concorrenza deve essere sana per poter portare valore aggiunto alla Categoria. Abbiamo scelto di stare insieme in un percorso etico e deontologico che dobbiamo far comprendere in modo strategico ai giovani. Le società tra professionisti, ad esempio, rappresentano il futuro dell'esercizio dell'attività professionale, la strada per esercitare la professione in un contesto di rete e condivisione". In chiusura la Presidente ha ricordato la necessità di contrastare in modo incisivo l'abusivismo professionale, che riduce la forza economica e sociale della categoria. "E' il momento di agire. Con l'ausilio dell'Ente di Previdenza e del Sindacato abbiamo infatti deciso di accompagnare tutti i CED verso le STP". Questa scelta può far comprendere come la Categoria voglia continuare ad investire sul futuro e sui giovani, che devono essere presi per mano e accompagnati in un percorso professionale ricco di responsabilità, ma anche di grandi opportunità. - Leggi il comunicato stampa

Rassegna stampa: Il Sole24Ore del 01/12/2015 
Rassegna web: adnkronos.com - ipsoa.it - 
liberoquotidiano.it - liberoquotidiano.it - padovanews.it

Universolavoro: nuova metodolologia di approccio all'innovazione
"I Consulenti del Lavoro il cambiamento non lo subiscono, ma lo cavalcano e sarà un salto culturale per la metodologia di approccio all'innovazione". Così Matteo Robustelli, presidente di Universolavoro, la nuova struttura di emanazione dell'Ente di Previdenza dei Consulenti del lavoro, ha illustrato all'Assemblea i progetti messi in campo in favore degli iscritti. 
Si tratta sia di migiorare i rapporti con la Pa per usufruire dei servizi in maniera esclusiva, "un'autostrada riservata agli iscritti", sia di offrire servizi gratuiti ai colleghi per migliorare l'efficacia organizzativa di ognuno.
Il Presidente Robustelli illustra anche i tempi, i percorsi, il piano operativo, le regole sulla sicurezza ed i contatti nell'ambito del progetto d'innovazione tecnologica: entro giugno la piattaforma porterà innumerevoli vantaggi ai Consulenti del Lavoro.

Prosegue il confronto con i Dirigenti territoriali riuniti in Assemblea
Riprendono i lavori dell'Assemblea dei Dirigenti Territoriali presso il Centro Congressi Roma Eventi Fontana di Trevi. La giornata di sabato si apre con la seconda parte della discussione sulle azioni a sostegno degli iscritti e della professione, con il dibattito sulla normativa in materia di anticorruzione e con il corso per Tesorieri e Segretari dei Consigli Provinciali dell'Ordine.
Le conclusioni della Presidente Marina Calderone si terranno alle ore 12:30, dopo la sessione plenaria di sintesi dei temi trattati.

Chiusi i lavori della prima giornata di Assemblea dei Consigli Provinciali
Si sono chiuse le prime tre sessioni parallele all'Assemblea dei Consigli Provinciali che hanno visto riuniti a Roma 630 dirigenti provinciali per discutere delle politiche di categoria. Le sessioni della giornata erano incentrate sulle azioni di sostegno degli iscritti e della professione (deontologia, abusivismo, CED, STP) , sulla certificazione dei contratti e ASSECO, sulla formazione continua obbligatoria.  
I lavori riprenderanno il 28 mattina con la seconda parte della sessione sulle azioni dedicate ai Consulenti del Lavoro e con due nuove sessioni sull'anticorruzione e sulle attività di segreteria e tesoreria dei Consigli Provinciali.



Fondazione Studi al passo con i tempi

Il dibattito all'Assemblea prosegue con l'intervento del Presidente di Fondazione Studi, Rosario De Luca, che ha sottolineato la voglia di implementare la base informatica delle attività per essere sempre al passo coi tempi, fornendo servizi di qualità agli iscritti.
"Il futuro è fatto di modernità di strumenti, comunicazione e contenuti. Un trinomio su cui Fondazione Studi punta quotidianamente nelle sue attività e che sta alla base, per esempio, della piattaforma AsseCo per l'asseverazione contributiva e retributiva dei rapporti di lavoro".
"L'Asseco", ha ribadito De Luca, "ha raggiunto in quasi 2 anni un buon numero di Consulenti del Lavoro asseverati e di aziende asseverate, mentre avanzano sempre più richieste di asseverazione da aziende non seguite da Consulenti. E' su questo che bisogna puntare per promuovere i principi di legalità e di lavoro etico", ha concluso De Luca. In chiusura il Presidente De Luca ha toccato i temi legati all'anticorruzione e trasparenza, ai quali sarà dedicata una sessione pomeridiana rivolta ai dirigenti provinciali.

Fondazione Lavoro giocherà un ruolo determinante nei prossimi anni
Il Presidente di Fondazione Lavoro, Mauro Capitanio punta sui giovani "il bagaglio che oggi loro hanno non è lo stesso dei Consulenti del lavoro che hanno iniziato molti anni fa, quando era indispensabile porre attenzione agli adempimenti. I giovani oggi hanno nuove opportunità per partire, ad esempio con selezione ed intermedizione, tutte funzioni nuove e con ampi spazi di attività, tenendo sempre presente la professionalità e l'etica".
Il cambiamento di Fondazione lavoro, prosegue Capitanio, lo dimostrano i numeri: sono stati autorizzati 15000 tirocini formativi, 2000 in garanzia giovani e le politiche attive sono il futuro della professione. Il punto di riferimento non è più solo l'azienda, ma anche il lavoratore che porterà una crescita per la categortia e per i giovani.
Fondazione Lavoro punta anche sulla formazione dei delegati, dei dirigenti di categoria e si attrezza per le sfide che daranno la possibilità alla professione di entrae in altri mercati.

Promuovere la previdenza sul territorio
Alessandro Visparelli, Presidente dell'Ente di Previdenza dei Consulenti del Lavoro, interviene all'Assemblea dei dirigenti di categoria sottolineando la regolarità dell'Enpacl, sotto il punto di vista della tenuta del sistema pensionistico, ed annunciando le novità derivanti dall'Assemblea dei delegati. Questa, infatti, ha approvato il sostegno alla Fondazione Universo Lavoro, di diretta emanazione dell'Enpacl, che si appresta a porre in essere una serie di attività a sostegno degli oltre 28 mila Consulenti del Lavoro. In questo modo si permetterà, soprattutto ai giovani iscritti, di porre in essere economie di scala nell'esercizio della professione.
"Il lavoro fatto finora - ha sottolineato Visparelli - è servito a far conoscere e migliorare la cultura previdenziale e continueremo su questo percorso anche in futuro. Abbiamo, infatti, deciso di incrementare le risorse per la formazione dei delegati Enpacl, affinché possano svolgere meglio l'importante ruolo nelle provincie". "I delegati", ha concluso Visparelli, "devono essere i promotori previdenziali sul territorio".
Quali vantaggi dalla trasformazione dei CED in STP?

50 anni di una professione che accompagna la società
"I Consulenti del Lavoro nel tempo sono cambiati, ma hanno saputo assumere una funzione di accompagnamento alla società nel loro percorso di vita, professionale ed imprenditoriale".
Così la Presidente Nazionale Marina Calderone ha aperto i lavori dell'Assemblea dei Consigli provinciali che si tiene a Roma fino al 28.
"Il rapporto fiduciario è la nostra essenza - ha affermato la Presidente - e noi siamo cambiati come è cambiato il Paese, forse anche meglio di alcune Istituzioni. Abbiamo cambiato il volto ed aumentato le funzioni, ora dobbiamo fare rete e cambiare le percezioni sulle nuove funzioni che servono proprio ai giovani. Ora la nostra professione rappresenta un'eccellenza. Le nostre funzioni sono aumentate, siamo diventati centrali per la deflazione del contenzioso, abbiamo esteso le nostre competenze alla mediazione civile e commerciale, abbiamo messo tasselli e mattoncini nella costruzione di questo percorso. La nostra missione è difendere e valorizzare la professione e nei territori prosegue l'impegno per potenziare etica, deontologia, legalità e rigore". 

Abusivismo, dibattito e decisioni all'Assemblea dei Consigli Provinciali
"La tolleranza è e deve essere zero nei confronti di chi esercita abusivamente la nostra professione, teniamo la guardia alta, senza fare sconti a nessuno, compreso a chi dà protezione a situazioni illegali ". Così la Presidente Marina Calderone annuncia il dibattito che vedrà un momento decisionale proprio all'Assemblea dei Consigli Provinciali che si terrà nella giornata odierna e domani presso Roma Eventi Fontana di Trevi.Da un primo esame documentale su Caf e Ced, che in questi giorni hanno alzato il livello mediatico, avviando una vera e propria campagna massiva dai profili perlomeno opachi, sembrano rilevarsi profili di esercizio abusivo della professione di Cdl, nonché una pubblicità del servizio quantomeno ingannevole e non trasparente. Per questo motivo il Consiglio Nazionale, in attesa del dibattito con i dirigenti nazionali di categoria della prossima settimana, ha già interessato i Consigli provinciali competenti per territorio, che possono attivare la vigilanza in loco. Si sta agendo, inoltre, anche tramite il Ministero del Lavoro per tutelare le attività professionali dei Cdl e, all'esito di queste attività istruttorie, ci si muoverà sul fronte giudiziario.

Oltre all'abusivismo, gli altri argomenti che saranno trattati dall'Assemblea vanno dalle nuove funzioni Jobs Act e attività Commissioni Certificazione dei Contratti, alle azioni a sostegno degli iscritti e della professione, deontologia ed STP; dalla FCO all'anticorruzione; dagli aspetti contabili per i Consigli Provinciali e nuova normativa PA, al Progetto di Bilancio di Previsione per l'esercizio 2016.

0
0
0
s2smodern