Lunedì, 13 Luglio 2015 11:48

Tfr in busta paga, flop confermato anche a Vicenza

La provincia di Vicenza conferma l'insuccesso dell'operazione Tfr in busta paga, esordita il 3 aprile scorso secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità. Come già rilevato dall'Osservatorio della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro anche nel territorio vicentino meno dell'1% dei lavoratori ha chiesto l'anticipo della liquidazione a causa soprattutto della scarsa convenienza della misura e dell'irrevocabilità della scelta. "Sono pochissimi i lavoratori che hanno chiesto il Qu.ir." , ha dichiarato il Presidente del CPO di Vicenza, Franco Bastianello, ammettendo le motivazioni che scoraggiano la scelta. "Mentre la liquidazione del trattamento di fine rapporto gode di una tassazione più leggera - ha continuato Bastianello - la monetizzazione anticipata del Tfr è tassata in maniera ordinaria. Inoltre, aumentano l'Irpef, le addizionali regionali e comunali e la quota entra nel reddito utile a calcolare gli assegni familiari". Si rischia, quindi, di avere ricadute negative sul reddito Isee sottraendo, magari, benefici a chi gode di tariffe agevolate come ad esempio per l'asilo nido. - Il Giornale di Vicenza del 13.07.2015

Pagina speciale Tfr

0
0
1
s2smodern