Martedì, 19 Novembre 2019 11:12

Bonus bebè 2019: DSU entro il 31 dicembre

I genitori che non hanno presentato la DSU per l'anno in corso sono tenuti a farlo entro e non oltre il 31 dicembre 2019, tramite procedura telematica sul sito Inps, per consentire all'Istituto di riprendere il pagamento delle prestazioni relative al cd. bonus bebè per l’anno 2019. Tale adempimento è infatti necessario ai fini del rilascio dell’ISEE minorenni 2019 e, quindi, della corresponsione dell’assegno di natalità. A comunicarlo è l’Inps con il messaggio n. 4144 del 13 novembre 2019 specificando che, da una verifica nella procedura di gestione delle domande di assegni, è risultato che molti utenti non hanno ancora provveduto alla presentazione.

All’eventuale verificarsi della decadenza, - si legge nel messaggio - l’utente che abbia a suo tempo presentato domanda ai sensi della legge n. 190/2014, se ancora in possesso dei requisiti di legge, può presentare una nuova domanda di assegno nel 2020 per il periodo residuo, senza possibilità di recuperare le mensilità dell’anno 2019 e con decorrenza del beneficio dalla data di presentazione della nuova domanda. Al riguardo, si precisa che nel 2020 tale eventualità potrà verificarsi ai sensi della legge n. 190/2014 limitatamente ad eventi (nascite, adozioni, affidamenti preadottivi) avvenuti nel 2017, stante la durata triennale della prestazione prevista dalla legge. Invece, in caso di decadenza della domanda per mancato rinnovo dell’ISEE nel 2019 riferita ad eventi avvenuti nel 2018 ai sensi della legge n. 205/2017, non sarà più possibile ripresentare una nuova domanda nel 2020 stante la durata annuale della prestazione prevista da tale legge.
Nel messaggio l’Istituto propone a titolo di esempio il caso di una mancata presentazione della DSU con riguardo alla nascita di un figlio avvenuta nel maggio 2018.

Notizie correlate: Bonus asili nido: nuove funzionalità online - "A proposito di" bonus bebè 2019 - Bonus bebè 2019: chiarimenti operativi    

0
0
0
s2smodern